• Home
  • CRONACA
  • Milano, metropolitana M4: previsione sui costi e i tempi di consegna

Milano, metropolitana M4: previsione sui costi e i tempi di consegna

milano-m4Milano - La metropolitana M4 è realtà come precedentemente annunciato, infatti, la giunta si è riunita venerdì scorso e ha approvato la delibera che dà via libera alla realizzazione della Linea Blu nel capoluogo lombardo. 
Ma quanto costerà e quanto tempo richiederà? Per rispondere a queste interessanti domande dobbiamo scavare a fondo e recuperare parziali interviste dei vari protagonisti del progetto. L'assessore alla Mobilità Pierfrancesco Maran per esempio ha detto che l'inaugurazione della metro non avverrà prima di 6 - 7 anni, la stima s'aggira intorno al 2022. "Si cercherà di lavorare per aprire prima una tratta funzionale. Questo avrebbe due vantaggi: consegnare ai cittadini un pezzo dell'opera e ridurre l'impatto finanziario." ha specificato poi l'assessore alla Mobilità. 
Su questa previsione non tardano ad arrivare polemiche e confronti con altri paesi dove risulta inferiore il tempo richiesto per la realizzazione di una linea metropolitana. Un esempio portato in auge riguarda la città di Parigi dove una linea con 18 fermate ha richiesto 2 anni di lavori e quell'opera è avvenuta oltre un secolo fa, tra il 1898 e il 1900. Altre fonti - il sito del comune - fanno una previsione leggermente più rosea prevedendo 5 anni di attesa. Entro primavera saranno aperti 30 cantieri e altri 10 cantieri più in là perché nell'arco di tempo che coincide con l'Expo verrà preservato il centro di Milano. Gli scavi verranno effettuati a San Cristoforo, Lorenteggio, Solari, per esempio, e Dateo e viale Argonne.
E i costi? Anche i costi fanno impallidire. La linea che transiterà tra Linate e San Cristoforo richiede una spesa di 1 miliardo e 800 milioni di euro così suddivisi: poco più della metà - 958 milioni di euro - arriva dallo Stato, 461 milioni dai privati e ben 400 milioni di euro dalle casse del Comune. Ovviamente il progetto della Linea Blu darà anche nuovi posti di lavoro. "In caso di recesso per decisione del Comune - puntualizza il sindaco Pisapia - ci sarebbe stato un contenzioso con richieste di penali e risarcitorie che avrebbero inciso pesantemente sui bilanci della città".

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.