• Home
  • CRONACA
  • Unicredit finanzia Gazprom: boicottaggio dei clienti

Unicredit finanzia Gazprom: boicottaggio dei clienti

torre-unicreditRischia di ripercuotersi contro banca Unicredit la decisione della stessa di finanziare per 390 milioni di euro il gigante russo del gas Gazprom che, complice il calo del prezzo del petrolio ed un rublo sempre più in picchiata, ha necessità di nuovi finanziamenti freschi.

Alla luce di questa notizia diverse associazioni italiane che tengono all'etica e alle norme sulla responsabilità sociale d'impresa tanto decantate dalle banche, starebbero per far partire un boicottaggio verso chiunque sostenga quello che ormai appare un regime dittatoriale quidato da un uomo che crede di essere al centro del mondo.

La Russia intanto rischia di diventare un vero buco nero per i mercati finanziari: tra il crollo del rublo, l’inflazione quasi a doppia cifra, la fuga dei capitali, la guerra in Ucraina e il dimezzamento del prezzo del petrolio, è stata classificata come uno degli stati «top geopolitical risk» del 2015.

La speranza è che ci possa essere un ripensamento da parte dei vertici della banca, dichiara Fabio Prevedello, Presidente dell'Associazione Culturale Europea Italia-Ucraina Maidan che assieme a moltissimi altri utenti di facebook promuoveranno una petizione online per esprimere un forte dissenso per questo finanziamento poco appropriato. A seguire si potrebbe arrivare al boicottaggio e alla chiusura di molti conti correnti.

"Tutti gli associati di Italia-Ucraina Miadan che hanno il proprio conto o quello di familiari presso Unicredit manderanno delle mail per chiudere i propri conto correnti. E' vergognoso che Unicredit sostenga e finanzi una società controllata dallo stato russo, stato che ha invaso militarmente uno stato europeo, uno stato sottoposto a sanzioni commerciali e ritento da UE, Stati uniti, Canada, e paesi NATO uno stato aggressore e invasore dell'Ucraina. "

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.