• Home
  • EVENTI
  • Linus e Max Pezzali: due chiacchiere alla Feltrinellli

Linus e Max Pezzali: due chiacchiere alla Feltrinellli

max-pezzali-883Martedì 9 dicembre alla Feltrinelli di piazza Piemonte si poteva incontrare una coppia speciale: Linus e Max Pezzali per la presentazione del disco di Natale di Radio Deejay. Per me un'occasione per poter vedere dal vivo due persone che hanno segnato parte della mia vita. Max Pezzali con gli 883 è stato una colonna sonora della mia gioventù, Linus con il suo programma mattiniero di Radio Deejay mi ha accompagnato spesso nei giri in automobile o nelle mattinate di lavori poco creativi o impegnativi.
 
Linus dopo aver presentato Max ha fatto alcune domande sul concepimento del brano natalizio commissionato a Pezzali per radio Deejay. Dopo si è passati a domande sul passato di Max e riguardo la sua carriera musicale. Devo dire che Max è una persona molto semplice seppur abbia avuto successo e nel rispondere alle domande dimostra sempre grande umiltà. Ringrazia e quasi si stupisce quando viene definito un'artista, dice di non essere un grande cantante e quando Linus chiede a Max  come mai non abbia mai fatto un concerto a San Siro Max dice di non essere un cantante di così grande successo da poterselo permettere.
Il pubblico presente disapprova e Linus gli fa notare che nei vari concerti che nello scorso anno Max è stato protagonista ha attirato più di 30 mila persone ovvero più che sufficienti per poter fare un concerto a San Siro. Ma lui non si sbilancia restando dell'idea di non sentirsi una superstar. C'è anche la possibilità per chi è lì presente di porre qualche domanda e allora colgo subito l'occasione e il mio quesito é il seguente: "Max Pezzali e gli 883 sono stati un' icona generazionale per chi come me è cresciuto negli anni '90. Che opinione hai sul panorama musicale del momento, credi che ci possano essere dei gruppi capaci di diventare ciò che siete diventati voi negli anni?"
 
Max dice che il rap è la musica del momento e quella in cui comunque i giovani si sentono più rappresentati. I rapper però sono fenomeni momentanei e che comunque possono essere credibili solo per un certo periodo. Insomma resta il fatto che neanche lui riesce a dirmi il nome di un gruppo o di un'artista che potrebbero in futuro diventare ciò che sono stati capaci di rappresentare gli 883 per me . Perchè l'industria musicale è un continuo sfornare di nuovi talenti (complici anche x-Factor e talent show simili)ma il problema è che questi ragazzi ci mettono pochissimo tempo a diventare delle star ed ancora meno ad essere scaricati e messi nel dimenticatoio.
 
L'evento si conclude e torno a casa stanco del lavoro oltre che dispiaciuto per non essere riuscito a fare foto (cellulare scarico e macchina fotografica assente) causa evento scoperto all'ultimo ma contento di esserci stato e di aver stretto la mano ad un idolo di gioventù.

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.