Cenone natalizio: decorare la tavola

La Vigilia di Natale, per i cristiani, è la festa più importante, in quanto, nella notte,  c’è la nascita di Gesù Bambino, il passaggio quindi di Dio che si fa uomo. A questo significato si è poi aggiunto quello della festa con cena della vigilia e consegna dei doni. Solitamente si organizza una ricca cena, poi si va alla Santa Messa di mezzanotte e al ritorno si festeggia nuovamente scambiandosi i regali sotto l’albero di Natale.

tavola-nataleIniziamo col dire che la tavola del cenone natalizio va resa speciale, quindi pensate a dei rametti di pino con un nastrino rosso da posizionare accanto ai bicchieri, saranno segnaposti indimenticabili. Qualche candela rossa qua e la, accese naturalmente, renderanno l’atmosfera indimenticabile.

La tradizione vuole che la cena sia a base di pesce. Le idee per piatti deliziosi e gustosi sono davvero molteplici.

Grazie ai numerosi programmi di cucina che vediamo in Tv, possiamo diventare degli Chef provetti. Basti pensare a “copiare” un paio di quei piattini succulenti e faremo anche noi una figura ottima.

Da non dimenticare assolutamente sono gli antipastini; arricchiscono la tavola e stuzzicano gli ospiti. Potete variare dal salmone affumicato, alla tartara di tonno fresco, olive, sottaceti vari, cozze e/o capesante gratinate, gamberetti con salsa cocktail oppure al profumo di  limone, mini croissant di salmone.

Passando ai primi piatti potete orientarvi su qualche raffinatezza, un risottino con i gamberetti, oppure una pasta fresca con sugo di pesce.

Vi consigliamo di non esagerare con le porzioni, altrimenti avrete ospiti sazi subito dopo gli antipasti.

Tra la fine del primo e l’inizio del secondo portate in tavola un sorbetto al limone, in commercio esistono delle buste già pronte, non dovete far altro che aggiungere del ghiaccio. Aiutano i commensali a digerire e a preparare il palato per altri gusti. Come secondo potete preparare due piatti non troppo pesanti. Un polipo saltato all’aglio, per non fare sempre la classica insalata di polipo e patate, oppure degli involtini di salmone al sesamo o ancora baccalà con uvetta e pinoli, o un classico branzino al forno con tanto di profumi e pomodorini, olive e patate.

Non dimenticate il panettone, che sia classico, con le uvette, col cioccolato, con la frutta, l’importante è che sia artigianale.

Immancabili le bottiglie di vino bianco frizzante, come se non ci fosse un domani.

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.