Intervista a John Statz e alla dott.ssa Manuela Valenti di Emergency

Intervista a John Statz e alla dott.ssa Manuela Valenti di Emergency

Domenica 20 maggio 2018 al Nuovo Teatro Ariberto Emergency ha festeggiato il...

La Biblioteca degli Alberi a Milano

La Biblioteca degli Alberi a Milano

Milano non è solo la città dei grattacieli, del traffico e della moda, ma...

ArtLab 2018: territori, cultura, innovazione

ArtLab 2018: territori, cultura, innovazione

Il 24 e il 25 maggio Base Milano ospita la terza edizione di...

In Porta Ticinese il primo temporary store della cannabis a Milano

In Porta Ticinese il primo temporary store della cannabis a Milano

Milano anticipa mode e tendenze e Hemp Embassy, in corso di Porta Ticinese...

Matt Mullican. The Feeling of Things

Matt Mullican. The Feeling of Things

È in corso fino al 16 settembre 2018 negli spazi di Pirelli Hangar Bicocca...

Le auto delle 1000 Miglia

Le auto delle 1000 Miglia

Non è possibile parlare o raccontare delle Mille Miglia e tralasciare coloro...

Le strategie di commercio della coppia EUR/USD

Le strategie di commercio della coppia EUR/USD

Nel mercato azionario, gli scambi che si concludono nella giornata sono da...

GUIDO PAJETTA

GUIDO PAJETTA

Galleria Rubin inaugura la mostra “Guido Pajetta, opere degli anni cinquanta e...

La cosa brutta al Teatro Libero

La cosa brutta al Teatro Libero

Sarà in scena al Teatro Libero fino a domenica 20 maggio  La cosa brutta,...

Giovanni Sollima: logo sonoro per expo 2015

"Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita" questo il tema dell'Expo 2015, ma in occasione dell'esposizione universale tutte le arti riprendono magicamente vita ed è proprio il caso di Giovanni Sollima violoncellista che ha scritto il tema sonoro per i visitatori di Expo in città.

Giovanni Sollima logo sonoro per expo 2015Se capiterà di passeggiare tra i vari padiglioni, si potrà sentire il logo sonoro di questa esposizione: un "ritmo del sud" come lo definisce lo stesso Sollima. Il sud è un tema caro all'autore perchè natio di queste terre (siciliano), ma egli per "ritmo del sud" non intende una melodia che si estende solo nella penisola italiana relativamente al Salento e alla Sicilia, ma quello che si allunga fino al centro Africa e a buona parte dell'Australia ed è un ritmo composto da dodici ottavi penetrante fermo, ma allo stesso tempo coinvolgente.

Giovanni Sollima parla così del ritmo e del suo rapporto con l'amato strumento musicale, in un'intervista creata da Rai Expo, mentre si trovava in pausa all’Accademia di S.Cecilia, nel cuore di Roma.

Il violoncellista parlemitano, ideatore anche del progetto dei 100 violoncelli e maestro concertatore delle ultime due edizioni della Notte della taranta nel Salento, ha come tutti i musicisti un rapporto personale con il suo strumento: lo definisce un strumento "lunare" intendendo che il violoncello secondo lui è metereopatico e quindi molto legato ai cambiamenti climatici e proprio per questo solo mani esperte possono maneggiarlo e tirarne fuori un'armonia. Inoltre afferma che per poter funzionare perfettamente lo strumento deve avere una certa percentuale di umidità in base alla quale cambia il suono e la melodia emessa.

L'intervista si conclude con una riflessione del maestro: dice che il vino si pone tra lui e lo strumento come quel mediatore attraverso cui il violoncello è ottimizzato, sembra infatti che il nero d'avola funzioni molti bene se cosparso nei bordi quando fuori il clima è troppo secco.

Monica Lia Monacchi

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.