• Home
  • TEATRO
  • Al Teatro Studio Melato salpa La barca dei comici

Al Teatro Studio Melato salpa La barca dei comici

la barca dei comiciVa in scena al Teatro Studio Melato La Barca dei Comici, una straordinaria fantasia teatrale per attori e ombre alla quale Stefano de Luca ha dato corpo lavorando sui materiali dei Mémoires di Carlo Goldoni e del copione teatrale di Giorgio Strehler.
Noi siamo andati a vederlo per voi.
Uno spettacolo divertente per tutta la famiglia, a tratti molto suggestivo, costruito attorno ad una scenografia e ad una regia davvero di qualità.

La trama dello spettacolo può essere riassunta dalle parole di Strehler: “Una storia della giovinezza di Carlo Goldoni, quando una mattina d’aprile partì in un favoloso viaggio per mare assieme a una compagnia di comici. Lì egli conosce per la prima volta tutto: l’amore, le donne, lo stupore, la curiosità per l’umano mondo dei comici, e attraverso di essi, la curiosità per il mondo dell’uomo”.
Stefano De Luca porta in scena anche la rivoluzione che lo stesso Goldoni apportò al teatro suo contemporaneo, abbandonando le maschere e il canovaccio della commedia dell’Arte, cercando, invece, i personaggi “nel mondo” e fissando per la prima volta dei copioni teatrali che definivano da cima a fondo tutta l’opera.

Ed ecco la strampalata compagnia dei comici, “la migliore d’Italia” come ci tiene a sottolineare spesso il capocomico , muoversi in scena da veri e propri saltinbachi attraverso scene divertenti e ben costruite, tra ombre, pentole che sputano fuori cibo, drammi improvvisati, e nel segno del fascino magnetico della Prima Attrice.
Un gioco teatrale totale: un gioco degli attori che cambiano continuamente modo di recitare, un gioco di luci e ombre affascinante studiato nei minimi dettagli da Nicoletta Garioni e Fabrizio Montecchi, un gioco di composizione sempre nuovo di elementi scenografici che rinventano sempre se stessi. La piccola barca diventa così una lanterna magica, uno spazio meta-teatrale. Evocato da una vela-telone-sipario-tovaglia in un mare di un gigantesco filo azzurro uscito come per magia da un piccolo fazzoletto, lo spazio stesso si dilata, cambia forma e connotati e rimane sopeso in un luogo onirico, dove non valgono più le leggi della realtà, ma quelle della fantasia e della fiaba.

Gabriele Masi

Lo spettacolo sarà ancora in scena al Teatro Studio Melato

Venerdì 13 e 20 febbraio ore 20.30;
sabato 7 e 21 febbraio ore 19.30;
domenica 8, 15 e 22 febbraio ore 16;
martedì 24 febbraio ore 19.30;
mercoledì 25 febbraio ore 20.30.

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.