Contratto Bancari 2015: accordo trovato

abiE’ stata siglata alle cinque di questa mattina da ABI e le 8 sigle sindacali del credito l’ipotesi d’accordo per il rinnovo del Contratto Nazionale dei lavoratori bancari, che sarà valido fino al 31 dicembre 2018 e che verrà sottoposto all’approvazione delle assemblee dei lavoratori.
 
L’accordo ribadisce la centralità della contrattazione nazionale, difende le normative sull’area contrattuale, non interviene sugli scatti d’anzianità e attribuisce al nuovo Contratto una forte valenza sociale, arricchendolo di strumentazioni utili a sostenere la nuova occupazione e la ricollocazione dei lavoratori in esubero e a gestire le prossime riorganizzazioni di settore in una prospettiva di solidarietà intergenerazionale, tutelando, inoltre, il potere d’acquisto delle retribuzioni.


AUMENTI ECONOMICI 

Previsto un aumento economico medio di 85 euro a regime (terza area terzo livello) nel triennio di vigenza del contratto. Gli aumenti sono suddivisi in 3 tranche: 1 ottobre 2016 (25 euro), 1 ottobre 2017 (30 euro), 1 ottobre 2018 (30 euro).

INQUADRAMENTO DEL PERSONALE

Fungibilità nell’utilizzo del personale.  E' stata confermata la fungibilità all’interno dell’area dei quadri direttivi.
Previsto un cantiere di lavoro sugli inquadramenti. Per quanto riguarda gli inquadramenti, si è deciso di istituire un cantiere di lavoro (durata 12 mesi) per la definizione di un sistema di classificazione del personale, al fine di rendere più flessibile la disciplina, adeguandola ai mutati assetti tecnici, organizzativi e produttivi delle imprese del settore.
 
Intese aziendali o di gruppi. Le Parti hanno concordato che, su iniziativa delle aziende, possano essere definite intese aziendali in materia di inquadramenti.
 

ATTIVITA’ COMMERCIALI

Le Parti, in uno scenario economico caratterizzato da un notevole sviluppo dei mercati finanziari e dall’evoluzione della normativa di Vigilanza confermano l’attualità e la rilevanza dei principi definiti con il Protocollo sullo sviluppo sostenibile e compatibile del sistema bancario sulla attività vendita di prodotti e servizi condividendo la necessità che i lavoratori operino con dignità, responsabilità, integrità la trasparenza.
 
Proprio a tal fine, si prevede un rafforzamento delle attività di informazione, formazione e sensibilizzazione a favore del personale.
 

CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO

Le Parti hanno di incontrarsi entro 30 giorni dall’entrata in vigore del decreto delegato in materia, per valutarne i criteri applicativi presso le aziende, e favorire l’equilibrio di genere e all’attuazione della normativa sui congedi parentali ad ore. È previsto, inoltre, per i lavoratori in caso di malattia oncologica, la conservazione del posto di lavoro e del mantenimento del trattamento retributivo per 36 mesi.
 

IMPEGNO DELLE PARTI

Le Parti si impegnano a redigere, entro 90 giorni da oggi, il testo coordinato del Contratto Collettivo Nazionale. Nel testo si confermeranno le vecchie previsioni di legge in materia di licenziamenti per tutti i lavoratori assunti prima dell’entrata in vigore della riforma del lavoro (7 marzo 2015).
 
Si prevede infine di includere i temi dei nuovi modelli di banca e dei nuovi mestieri e le connesse professionalità, tra le materie oggetto di studio dell’Osservatorio nazionale.

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.