Il Fuorisalone a Lambrate

vl logo 2015

Il quartiere di Lambrate offre alcuni appuntamenti interessanti all’interno del palinsesto del Fuorisalone 2015. Il fil rouge è la creatività, legata agli ambiti del Food, Design, Art.
 
Il cuore pulsante di Lambrate è il Ventura Lambrate, nato dal Ventura Projects che riqualifica edifici abbandonati nel quartiere. Alla sesta edizione, il Ventura Lambrate quest'anno declina il design in tecnologia, con una particolare attenzione ai pioneri dei nuovi materiali e fashion a partire dall'incontro di prospettive di respiro internazionale.
 
Di seguito troverete una selezione di eventi che animeranno il quartiere.
 
Si parte martedì 14 aprile allo Spazio Logotel (Ventura 15), con NEED, When Design Empowers Human Potential, un percorso di esplorazione del sistema dei “bisogni” umani in rapporto alle sfide del presente e del futuro. La mostra, progettata da Cristina Favini in curatela con Susanna Legrenzi e Stefano Maffei, ruota attorno alle parole chiave #Work #Technology #Environment #Knowledge #Learning #Participation #Relationship #Beauty #Care e si pone l’obiettivo di far emergere nuovi orizzonti di trasformazione sociale attraverso servizi e oggetti che contribuiscano a migliorare l’individuo, la società e l’ambiente.
I progetti sono il frutto della creatività di una ventina di designer internazionali e propongono soluzioni alternative e spesso provocatorie ai problemi del presente e del futuro. I due progetti in primo piano sono Ebola Ppe For Healthcare della Johns University, una tuta per aumentare la protezione degli operatori sanitari che affrontano il virus Ebola, e Critter Bitters di Julia Plevin e Lucy Knops, una serie di formule per preparare cocktail a base di grilli fermentati. Fra gli altri lavori si sottolineano un’app che aiuta a tenere traccia delle attività svolte durante la giornata, misurandone alcuni aspetti e riassumendoli in grafici e statistiche (Reporter di Nicholas Felton), un bastone da passeggio di vetro, volto a simbolizzarne la funzione di fragile supporto (NASCO/STO di Maurizio Montalti), un mattone non cotto ma coltivato (Ginger Krieg Dosier con Biobrik) e un libro potabile le cui pagine contengono filtri in grado di tenere l’acqua pulita per trenta giorni (Drinkable Book della Water is Life). Insomma, proposte che non possono lasciare indifferenti. Potrete visitarle da martedì 14 a domenica 19 aprile.
 
Giovedì 16 aprile è la volta di Proud of Pro, organizzato dal NOlab Academy (Viale delle Rimembranze di Lambrate 7) in collaborazione con [1+2=8].mappa ventura lambrate L’evento vuole porre l’attenzione su chi, oggi, riesce a dare vita alla propria creatività con consapevolezza e sacrifici, al motto di “making by thinking”. In questo senso NOlab apre le porte della sua sede per offrire ai suoi visitatori un percorso visivo e sensoriale allo scopo di celebrare la città di Milano.
All’interno dei laboratori e di una terrazza di 100mq appositamente allestita verrà presentato il 14 aprile, consolle/tavolo in metallo (creato dal designer Davide Gallina e dell’artista Sergio Caruso) che rievoca le carrozze dell’omonimo tram milanese degli anni Settanta. Dalle 18.30 si terrà uno showcooking curato dalla Pasticcera e artista Martina Presta, cui seguirà alle 19.30 un aperitivo e una degustazione. L’atmosfera sarà riscaldata dalla performance live del dj Simone Verdi.
 
 
Leggi anche:
 
Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.