Una nuova centrale dell’acqua per Milano

Una nuova centrale dell’acqua per Milano

Dal 4 luglio Milano ha una nuova Centrale dell'Acqua, in via Cenisio 39,...

Cosa fare questo weekend a Milano? 13-15 luglio 2018

Cosa fare questo weekend a Milano? 13-15 luglio 2018

Come sempre MilanoFree.it offre i suoi consigli sui...

Milano Latin Festival 2018

Milano Latin Festival 2018

La musica infiamma il palco del Milano Latin Festival per la settimana più...

L'Uomo Bianco Nella Foto - L'incredibile storia di Peter Norman in scena al Castello Sforzesco

L'Uomo Bianco Nella Foto - L'incredibile storia di Peter Norman in scena al Castello Sforzesco

Ho sempre avuto la balzana idea che lo sviluppo di una nazione e del suo...

Visita in Miniera in Lombardia con i bambini

Visita in Miniera in Lombardia con i bambini

La proposta che vi voglio fare con quest'articolo, è quella di fare una...

Politica e finanza: le logiche dei mercati

Politica e finanza: le logiche dei mercati

Politica e finanza, come dovrebbe essere, o Finanza e politica come purtroppo...

Bus e tram di Milano ancora terra di nessuno?

Bus e tram di Milano ancora terra di nessuno?

I mezzi di superficie atm sono ancora pericolosi. E non parlo delle ore...

Ciclovia del fiume Oglio

Ciclovia del fiume Oglio

Ecco una proposta per gli amanti della pedalata panoramica, percorrere i 282...

Harry Potter a Milano o gli studios di Londra?

Harry Potter a Milano o gli studios di Londra?

Babbani di tutta Italia siete pronti? «Harry Potter: The Exhibition», la...

Expo 2015: ecco i cibi più strani

spiedini di insettiChe tipi siete? Tradizionalisti o avventurieri? Siete timorosi o amate il rischio? Se vi piace sperimentare, nella vita come in cucina, all’Expo 2015 troverete “pane per i vostri denti” … e non solo! È stato dato il via libera all’importazione di cibi che non sono mai arrivati nelle tavole italiane, e che ora potremo trovare e assaggiare in alcuni padiglioni di Expo. 
 
Innanzitutto potremo trovare la carne di coccodrillo, un piatto tipico dello Zimbabwe, che a noi può sembrare insolito ma che viene già consumato in alcuni paesi europei, tra cui il Belgio. Potremo inoltre assaggiare ragni fritti provenienti dalla Cambogia o carne di caimano accompagnati a un vino di serpente, bevuto solitamente in Cina o in Vietnam. Della cucina giapponese troveremo la vipera, o il pesce palla. La preparazione di quest’ultimo richiede degli accorgimenti particolari per far sì che il veleno non contamini la carne e diventi nocivo per l’uomo. Non troveremo invece né carne di cane né datteri di mare, che sono specie protetta. Mentre non potevano mancare gli insetti: si va dal caviale di insetto messicano, a scorpioni ricoperti di cioccolato, a larve giganti, coleotteri, termiti disidratate, vodka allo scorpione e cavallette provenienti dalla Thailandia. Ad oggi sono più di trenta le etnie al mondo che hanno gli insetti nella loro alimentazione. E forse non vi piacerà l’idea ma presto o tardi gli insetti faranno parte anche della nostra. Essi infatti sono ricchi di proprietà nutritive e nei prossimi decenni avremo necessità di nuove fonti di proteine per garantire sussistenza alla popolazione umana.

insetti a tavola

La scelta di permettere l’importazione di questi cibi provenienti per la maggior parte dall’Asia e vietati in molti paesi europei è stata molto dibattuta: da una parte si voleva dare l’opportunità ai visitatori di provare alcuni piatti che non potrebbero mai assaggiare se non nei paesi d’origine; dall’altra c’era la necessità di tutelare la salute delle persone. Per questo sono stati presi una serie di accorgimenti: il trasporto di questi cibi avverrà con imballaggi piombati che potranno essere aperti solo nei capannoni autorizzati, e saranno controllati da tecnici ministeriali e delle Asl. Inoltre niente potrà uscire dai padiglioni: gli avanzi saranno inceneriti direttamente nel sito espositivo. 
 
L’idea attuale è di trasformare questi cibi esotici nei cibi del futuro, anche se probabilmente ci metteranno molto tempo per entrare a far parte dell’alimentazione italiana. Siamo molto orgogliosi della nostra cucina, e difficilmente lasceremo che delle formiche prendano il posto di un piatto di tortellini, che della carne di caimano sostituisca la fiorentina o che il dolce sia a base di larve al cioccolato piuttosto che di cannoli siciliani.  Ma a ben guardare è successa la stessa cosa per il sushi e il sashimi.  Molta diffidenza all’inizio mentre ora vediamo continuamente spuntare ristoranti giapponesi in ogni città. Insomma “mai dire mai”, un giorno forse sarà normale trovare questi cibi sugli scaffali dei supermercati accanto alle confezioni di pasta.

Alice Frassoldati

Leggi anche:

Milano Expo 2015: come arrivarci

Expo: Vermi nel piatto al padiglione del Belgio

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.