Escape room con bambini a Milano

Escape room con bambini a Milano

Cosa c’è di meglio per un pomeriggio in famiglia che un hotel infestato dagli...

Lizzano – Quali le sorti di questo paese (e non solo)?

Lizzano – Quali le sorti di questo paese (e non solo)?

Nella nota riportata dall'associazione AttivaLizzano e pubblicata sul...

Ottocento lombardo a Lecco

Ottocento lombardo a Lecco

Dal 20 ottobre al 20 gennaio 2019, il sontuoso Palazzo delle Paure a Lecco...

Mickey 90. L’Arte di un Sogno

Mickey 90. L’Arte di un Sogno

Il castello medievale di Desenzano Del Garda, dal  10 novembre a domenica...

L’Adorazione dei magi del Perugino è il capolavoro della mostra di Natale di Palazzo Marino

L’Adorazione dei magi del Perugino è il capolavoro della mostra di Natale di Palazzo Marino

Torna il tradizionale appuntamento natalizio con l’arte di Palazzo Marino. Per...

Fulvio Roiter. Fotografie 1948 – 2007

Fulvio Roiter. Fotografie 1948 – 2007

Fino al 24 febbraio 2019 potete ammirare nella Loggia degli Abati di Palazzo...

Weekend milanese tra il Rinascimento e Alda Merini

Weekend milanese tra il Rinascimento e Alda Merini

Il weekend di San Martino a Milano proporrà una serie di appuntamenti che...

Così è (Forse) al Teatro Litta. Due parole col regista

Così è (Forse) al Teatro Litta. Due parole col regista

 È in scena fino all' 11 novembre al Teatro Litta, la nuova produzione...

Prodotti gastronomici lombardi da tutelare

Prodotti gastronomici lombardi da tutelare

La nostra terra lombarda è ricca di prodotti di prima qualità e apprezzati...

Expo 2015: ecco i cibi più strani

spiedini di insettiChe tipi siete? Tradizionalisti o avventurieri? Siete timorosi o amate il rischio? Se vi piace sperimentare, nella vita come in cucina, all’Expo 2015 troverete “pane per i vostri denti” … e non solo! È stato dato il via libera all’importazione di cibi che non sono mai arrivati nelle tavole italiane, e che ora potremo trovare e assaggiare in alcuni padiglioni di Expo. 
 
Innanzitutto potremo trovare la carne di coccodrillo, un piatto tipico dello Zimbabwe, che a noi può sembrare insolito ma che viene già consumato in alcuni paesi europei, tra cui il Belgio. Potremo inoltre assaggiare ragni fritti provenienti dalla Cambogia o carne di caimano accompagnati a un vino di serpente, bevuto solitamente in Cina o in Vietnam. Della cucina giapponese troveremo la vipera, o il pesce palla. La preparazione di quest’ultimo richiede degli accorgimenti particolari per far sì che il veleno non contamini la carne e diventi nocivo per l’uomo. Non troveremo invece né carne di cane né datteri di mare, che sono specie protetta. Mentre non potevano mancare gli insetti: si va dal caviale di insetto messicano, a scorpioni ricoperti di cioccolato, a larve giganti, coleotteri, termiti disidratate, vodka allo scorpione e cavallette provenienti dalla Thailandia. Ad oggi sono più di trenta le etnie al mondo che hanno gli insetti nella loro alimentazione. E forse non vi piacerà l’idea ma presto o tardi gli insetti faranno parte anche della nostra. Essi infatti sono ricchi di proprietà nutritive e nei prossimi decenni avremo necessità di nuove fonti di proteine per garantire sussistenza alla popolazione umana.

insetti a tavola

La scelta di permettere l’importazione di questi cibi provenienti per la maggior parte dall’Asia e vietati in molti paesi europei è stata molto dibattuta: da una parte si voleva dare l’opportunità ai visitatori di provare alcuni piatti che non potrebbero mai assaggiare se non nei paesi d’origine; dall’altra c’era la necessità di tutelare la salute delle persone. Per questo sono stati presi una serie di accorgimenti: il trasporto di questi cibi avverrà con imballaggi piombati che potranno essere aperti solo nei capannoni autorizzati, e saranno controllati da tecnici ministeriali e delle Asl. Inoltre niente potrà uscire dai padiglioni: gli avanzi saranno inceneriti direttamente nel sito espositivo. 
 
L’idea attuale è di trasformare questi cibi esotici nei cibi del futuro, anche se probabilmente ci metteranno molto tempo per entrare a far parte dell’alimentazione italiana. Siamo molto orgogliosi della nostra cucina, e difficilmente lasceremo che delle formiche prendano il posto di un piatto di tortellini, che della carne di caimano sostituisca la fiorentina o che il dolce sia a base di larve al cioccolato piuttosto che di cannoli siciliani.  Ma a ben guardare è successa la stessa cosa per il sushi e il sashimi.  Molta diffidenza all’inizio mentre ora vediamo continuamente spuntare ristoranti giapponesi in ogni città. Insomma “mai dire mai”, un giorno forse sarà normale trovare questi cibi sugli scaffali dei supermercati accanto alle confezioni di pasta.

Alice Frassoldati

Leggi anche:

Milano Expo 2015: come arrivarci

Expo: Vermi nel piatto al padiglione del Belgio

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.