Roma nella camera oscura

Roma nella camera oscura

Fino al 22 settembre sono in mostra al Museo di Roma le fotografie della città...

Radiobus. Ecco l’app per un servizio più efficiente

Radiobus. Ecco l’app per un servizio più efficiente

Il servizio per prenotare il Radiobus ora è anche dall’App Atm Milano. In...

La stanza di Filippo de Pisis a Villa Necchi

La stanza di Filippo de Pisis a Villa Necchi

Fino a domenica 15 settembre 2019, il FAI – Fondo Ambiente Italiano presenta a...

Giorgio de Chirico. Il volto della metafisica

Giorgio de Chirico. Il volto della metafisica

Circa 100 opere realizzate dal Pictor Optimus nell’arco della sua...

Il Commissario Calabresi: un eroe dimenticato

Il Commissario Calabresi: un eroe dimenticato

Il 17 maggio 1972 moriva il commissario capo Luigi Calabresi, freddato da un...

Cosa fare questo weekend a Milano? 17-19 maggio 2019

Cosa fare questo weekend a Milano? 17-19 maggio 2019

Come sempre MilanoFree.it offre i suoi consigli sui...

Gattuso e gli esperti: aveva ragione Churchill

Gattuso e gli esperti: aveva ragione Churchill

Dopo la vittoria sulla moribonda Fiorentina, hanno ripreso fiato i pro...

Cortili Aperti 2019 a Milano

Cortili Aperti 2019 a Milano

Domenica 19 maggio tornerà a Milano Cortili Aperti, l'evento arrivato alla...

Orticola a Milano: mostra-mercato di fiori e piante dal 17 al 19 maggio

Orticola a Milano: mostra-mercato di fiori e piante dal 17 al 19 maggio

Nella splendida cornice dei Giardini Pubblici Indro Montanelli si terrà...

Expo nel segno dei cluster

cluster 1Nell’imminente Expo 2015, che aprirà il 1 maggio a Milano, un ruolo molto importante lo giocheranno i cluster, cioè le diverse aree tematiche in cui verrano riuniti i padiglioni degli stati ospitanti.

Vediamo nel dettaglio quali sono i nove cluster che si potranno visitare a Expo 2015 e chi sono i paesi che ne faranno parte.

cluster 2Bio - Mediterraneo

Con uno stile facile e immediato al tempo stesso, questo cluster racconta non solo la cucina del Mediterraneo, ma anche il valore di un incontro presso una tavola, dove c’è il piacere di mangiare insieme, sempre distinzioni di classe e razza.

La struttura del cluster ricorda una grande piazza semicoperta, con un pavimento composto di piastrelle dalle diverse tonalità di azzurro a ricordare il mare e le sue atmosfere, mentre alcuni showcooking e una mostra racconto per immagini, filmati e brani di opere letterarie danno un valore aggiunto al progetto.

Paesi partecipanti

Albania, Algeria, Egitto, Grecia, Libano, Libia, Malta, Montenegro, San Marino, Serbia, Tunisia.

cluster 3Cacao e cioccolato

Chi entra nel cluster dedicato al cacao e cioccolato, ha quasi l’impressione di essere in una giungla tropicale, grazie anche al gran numero di pali che simboleggiano gli alberi sotto ai quali cresce e si sviluppa la coltivazione del cacao.

Icone e vari pannelli raccontano la storia del cacao, un percorso principale collega il cluster alla zona eventi e a quella dedicata alla degustazione, mentre in una zona verde alcune panche e tavoli sono disponibili per chi desidera riposarsi.

Paesi partecipanti

Camerun, Costa d’Avorio, Cuba, Gabon, Ghana, Sào Tomé e Prìncipe.

cluster 4Caffè

L’architettura del cluster dedicato al caffè s’ispira alle foreste tropicali dell’Africa e dell’America Centrale, con toni caldi e colori che cambiano in base alla luce che filtra dall’esterno.

Curato da Illycaffè, il padiglione è un viaggio nel passato, presente e futuro di una bevanda amatissima dai popoli del Sud America e fu importata alla fine del Cinquecento in Europa, attraverso cinque stazioni che ospitano un’area mercato e un’area eventi.  

Paesi partecipanti

Burundi, Costa Rica, El Salvador, Kenya, Ruanda, Uganda, Yemen, Etiopia, Guatemala, Repubblica Dominicana, Timor – Leste.

cluster 6Cereali e tuberi

Pochi conoscono la lunga storia dietro i cereali e tuberi, che il cluster a loro dedicato cerca di riprodurre tramite l’incontro di suoni, odori e superfici legati alla loro coltivazione.

La forma del cluster è simile a quella di un grande camino, naturalmente è attrezzata una zona dove degustare i piatti tipici dei paesi che fanno parte del padiglione.

Paesi partecipanti

Bolivia, Congo, Haiti, Mozambico, Togo, Venezuela, Zimbabwe.

cluster 5Frutta e legumi

Sono le storie e leggende legate al mondo ortofrutticolo a costituire l’asse portante del cluster sulla frutta, in una combinazione ideale di profumi che arrivano da molto lontano.

Molte delle aree del padiglione presentano piante da frutto delle tipologie più dispariate, mentre nella piazza centrale hanno luogo gli eventi e si può partecipare a un mercato.  

Paesi partecipanti

Benin, Gambia, Guinea, Guinea Equatoriale, Kyrgystan, Repubblica Democratica del Congo, Uzbekistan, Zambia. 

cluster 7Isole, mare e cibo

L’idea del cluster sul mondo del mare e delle isole è che la natura aiuti e stimoli l’anima, come se la nutrisse, e i suoni e gli odori che introducono i visitatori a questo padiglione lo confermano in pieno.

All’esterno frasi dei più grandi scrittori che hanno raccontato il mare nelle loro opere introducono a una piazza centrale che ospita un’area ristorazione e una eventi dalla forma di un grande cubo.

Paesi partecipanti

Barbados, Belize, Capo Verde, Comore, Comunità caraibica, Dominica, Grenada, Guinea Bissau, Guyana, Madagascar, Maldive, Saint Lucia, Saint Vincent e Grenadine, Suriname.

cluster 8Riso

Ideato dall’Italia, il cluster del riso accompagna il visitatore in un viaggio tematico nella storia di questo prelibato alimento, con racconti e leggende che arrivano da tutto il mondo.

All’interno di una risaia in miniatura ci sono alcuni chioschi per la distribuzione del riso, oltre ad un gioco interattivo per grandi e piccini, mentre la mostra di Gianni Berengo Gardin racconta come veniva coltivato il riso alla fine dell’Ottocento e oggi, e come le nuove tecnologie hanno sostituito molto del lavoro manuale tra cui quello delle mondine. 

Paesi partecipanti

Bangladesh, Cambogia, Sierra Leone, Myanmar, Repubblica Democratica Popolare del Laos, Italia.

cluster 9Spezie

Idealmente collegato al cluster della frutta, il padiglione delle spezie, in un mix di odori che sembrano giungere direttamente dall’Oriente, ricostruisce come queste piante siano non solo un cibo prezioso, ma anche un valido prodotto per la cosmesi e utile rimedio medico.

Nel cluster ci sono le mappe che raccontano le rotte seguite nei secoli dai navigatori e alcune aree sensoriali che hanno lo scopo di stimolare i cinque sensi, oltre ad eventi e degustazioni.

Paesi partecipanti

Afghanistan, Brunei Darussalam, Repubblica Unita della Tanzania, Vanuatu.

cluster 10Zone aride

L’idea base del cluster delle zone aride ruota attorno alla tempesta di sabbia, da sempre simbolo delle difficoltà di sfruttare e usare un territorio davvero ostile.

Dopo essere entrati nella tempesta, i visitatori vedrono nel padiglione alcune pietre, che ospitano al loro interno i paesi del cluster, oltre ad un’oasi con una fonte d’acqua che ospita le perfomance e gli eventi, mentre alla fine del padiglione un colorato mercato, dove si possono comprare i prodotti che sono coltivati in quest’ambiente dal clima difficile.

Paesi partecipanti

Eritrea, Gibuti, Mauritania, Mali, Palestina, Senegal, Somalia, Giordania.

Paola

Leggi anche:

Expo 2015: ecco i cibi più strani

iNonno: le voci degli anziani raccontano la storia di Milano

Expo2015. Trasporti pubblici attivi 24 ore su 24, 7 giorni su 7

Beretta sponsor ufficiale Salumi per Expo

Expo e Milano festeggiano il Camparino

24 ORE Cultura e Electa per Expo Milano 2015

La nuova Malpensa e il restyling per Expo 2015

Exponendo. Prima, dopo, sotto, sopra Expo Milano 2015

Milano Expo 2015: come arrivarci

Expo 2015. Tutto sui Biglietti Ridotti per Disabili

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.