• Home
  • CRONACA
  • Sciopero mezzi pubblici a Milano: orari ATM 15 maggio

Sciopero mezzi pubblici a Milano: orari ATM 15 maggio

Sciopero mezzi pubblici ATM a Milano: 15 maggio 2015
Sciopero dei mezzi pubblici a Milano previsto per venerdì 15 maggio 2015, ultimo aggiornamento: lo sciopero è stato annullato su disposizione della Prefettura. Il trasporto nella città di Milano, causa Expo, sarà regolare per l’intera giornata.
La mobilitazione sindacale a carattere nazionale durerà 24 ore ma ogni città aderirà con fasce orarie diverse. 
Sciopero ATM a Milano
Nel capoluogo lombardo - come riportava anche il sito ATM, Azienda trasporti milanesi - la lotta sindacale avrebbe avuto inizio alle 8.45 e si sarebbe protatto sino alle ore 15.00 per poi riprendere alle ore 18.00 sino a fine servizio. 
Per lo sciopero del trasporto pubblico locale possibili disagi anche in altre regioni d'Italia: nella capitale, per esempio, i lavoratori incroceranno le braccia dalle ore 8.30 alle 12.30, a Venezia dalle ore 10 alle 13, a Napoli stop autobus dalle 8.30 alle 17 e dalle 20 sino a fine servizio e ferma la metro dalle 9 alle 18 e dalle 20 a fine servizio, a Bologna sciopero dalle 8.30 alle 16.30 e dalle 19.30 fino al termine del servizio. Come annunciato dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, lo sciopero è indetto dall'organizzazione sindacale USB Lavoro Privato. La protesta sindacale è contro il Jobs Act, gli innalzamenti dell'età pensionabile e le privatizzazioni.

ATM e EXPO

Tornando a occuparci di Milano, è trascorso poco tempo dall'ultimo sciopero che si è verificato in città. Il 28 aprile infatti molti dipendenti ATM iscritti al CUB hanno scioperato contro il surplus e l'organizzazione del lavoro durante tutto il perido di EXPO 2015. La CGIL però spiega in un comunicato proprio del 28 aprile che per affrontare questo problema è stata portata avanti precedentemente una lunga trattativa con ATM che si è conclusa alla fine con un accordo che prevede, tra l'altro, compensi aggiuntivi per i dipendenti dell'azienda. A quella trattativa - continua la CGIL nel comunicato - il sidacato CUB non ha aderito. Le polemiche non mancano e forse non mancherà qualche disagio per coloro che dovranno utilizzare i mezzi pubblici per recarsi a scuola o al lavoro nella giornata di venerdì 15 maggio.

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.