A Milano arriva il Giappone e il Kingyo

In una giornata quasi estiva ho fatto la turista nella mia adorata Milano, recandomi ad una mostra evento, per la prima volta fuori dal Giappone : la mostra Art Aquarium realizzata dall' artista giapponese Hidetomo Kimura.

artaquariumLa prima internazionale di questa mostra si è tenuta qui a Milano in una location davvero suggestiva : il circolo filologico milanese in via Clerici 10, sede di corsi di linguistici oltre che di spettacolari installazioni artistiche.

Questa esibizione mette in scena l'arte viva del pesce rosso il Kingyo, simbolo di fortuna e prosperità, che diventa protagonista ed evoca la cultura del Sol levante. Le installazioni sono delle vere e proprie opere d'arte con musiche, profumi e luci.

Per capire nel profondo questa mostra bisogna partire con un po' di storia, quella del Kingyo, il pesce rosso nato in Cina più di 2000 anni fa ed arrivato in Giappone nel 1502. Era considerato raro e prezioso, infatti se lo potevano permettere solo i governanti e gli uomini più potenti.

L' ingresso a questa esposizione è davvero singolare.  Gli enormi tendaggi mettono la stanza in penombra, infatti tutta la mostra è illuminata solo dai led posti sopra le vasche e dalle luci dai mille colori delle creazioni dell' artista Kimura che è riuscito con il suo lavoro ad unire arte, design e divertimento. Grazie alla sua esperienza e alle sue competenze idrobiologiche sui pesci ornamentali è riuscito a realizzare la mostra unica al mondo Art Aquarium.

Oltre alle singole vasche contenenti diverse specie di pesci rossi erano presenti numerose opere d'arte dell' artista ed una in particolare mi ha colpito : Edo-sakura-rium che consiste in un enorme lampadario alto 2,50m e largo 4m in cui vengono utilizzati 1000 Vetri Kiriko. Notevole anche la Sakura-Rium, un installazione magnifica a forma di petali di ciliegio che sono sparsi anche sulla superficie dell' acqua dove all' interno nuotano con eleganza i pesci Sakura nushiki, la parte più suggestiva è quando l'intera installazione diventa rosa come i petali del ciliegio.

Un' altra opera davvero particolare è Andorium un cubo dove all'interno nuotano i Kingyo e l'esterno è decorato con del pizzo che crea delle ombre complesse in continuo mutamento. Questa installazione è ispirata ad Andom, una tradizionale lampada giapponese realizzata con la carta.

Un' altro capolavoro è Shim-edo Kingyo Kazori, vaschetta di legno tradizionale, la quale permetteva di vedere i pesci da ogni angolazione e direzione. È stata ridisegnata a forma di poliedro per creare l'effetto prisma con il materiale trasparente unisce passato e futuro.

La cosa più bella di tutta la mostra è un'enorme vasca dove all'interno nuotano circa 1000 pesci illuminata da tanti colori creando degli spettacolari effetti.

Credo che questa mostra sia la più interessante di tutti i tempi. Entrando in quella sala sembra di essere in Giappone, dove antico e moderno si intersecano creando uno spettacolo strepitoso.

E' una mostra particolare in quanto dinamica, grazie ai pesci in movimento che creano degli effetti stupendi e consiglio a tutti di andarla a vedere. La si può ammirare fino al 23/8/15.

Leggi anche:

Cibo di Carta. La mostra alla Galleria Gruppo Credito Valtellinese di Milano

Giovanni Carnovali detto il Piccio. Oltre il suo tempo

Fabrizio Plessi a Milano: Digital Wall

Mondi a Milano. Culture ed esposizioni 1874‐1940 al Mudec

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.