• Home
  • CRONACA
  • Emergenza immigrazione: situazione davvero seria

Emergenza immigrazione: situazione davvero seria

Accampati per la notte, stesi, sfiniti per il lungo viaggio.

Buttati per strada, davanti alla stazione di Milano, o del mezzanino della Centrale, dov’è stato allestito un centro di accoglienza per dare aiuto ai migranti, che in questi giorni stanno arrivando in massa nel capoluogo lombardo.

L’ultimo angolo trasformato in dormitorio è una gabbia: una grata davanti, una dietro, a chiudere lo spazio tra le colonne di quella che ancora si chiama Gallerie delle Carrozze.

Un estremo tentativo di nascondere il vero volto del degrado?

bambino

All’ingresso della Stazione Centrale di Milano, restano una mutanda da uomo rossa, come reliquia, infilzata tra le sbarre; una traccia di cartoni a terra, una lattina di coca cola abbandonata a se stessa, una chiazza di liquido indefinibile, un sacchetto di plastica azzurra annodato in cima, pieno di non si sa cosa.

Sono troppi, denutriti, stanchi, e anche malati. Hanno bisogno di cure.

Uomini, donne, bambini, arrivano qui dopo un viaggio lunghissimo, durato anche mesi, cominciato in Eritrea, regione da cui arriva la maggior parte dei profughi, ma anche Somalia, Etiopia, Sudan e Siria.

Le condizioni di salute sono in continuo accertamento; sono state riscontrati 108 casi di scabbia, altre infezioni della pelle, si parla di qualche caso di malaria, e ciò che non si dice ma si teme, è che si possa anche parlare di ebola. Durante le prime ore di servizio del presidio sanitario mobile, messo a disposizione dalla regione Lombardia, con la Croce Rossa italiana, 30 persone già venivano inviate al centro Asl di Viale Jenner per scabbia, e altre malattie della pelle. Come era stato previsto dal direttore del servizio igiene dell’Asl, Giorgio Circonati, i numeri, ad oggi, sono considerevolmente raddoppiati.

A parlare è la fotografia della stazione centrale di Milano, diventata un vero e proprio campo profughi.

emergenza immigrazione

Sono centinaia, quasi 500, vagano in cerca di cibo ed assistenza. Stazionano in Centrale, dopo che i centri di accoglienza sono da giorni al completo.

I volontari del comune e del 118 lavorano senza sosta, nel tentativo di sfamare tutti, la Caritas offre anche un servizio di docce gratuito, in seguito all’allarme delle numerose infezioni cutanee; è stato allestito, all’esterno della Stazione Centrale di Milano, in Piazza Duca d’Aosta, il presidio sanitario pe immigranti, annunciato dalla regione Lombardia. Si tratta di una roulotte ambulatoria, nella quale interverrà il personale sanitario dell’Asl, coadiuvato dalla Croce Rossa e dall’Areu.

Tutto questo potrà mai bastare? La situazione è davvero seria.

Abbiamo dato forti segni di solidarietà, e continueremo a farlo”, afferma il sindaco Giuliano Pisapia.

Ma è evidente che la città di Milano, con le proprie forze, non ha le capacità di risolvere una crisi epocale di tali dimensioni.

Il gruppo delle Ferrovie italiane ha deciso di provvedere a proprie spese ai lavori necessari alla ristrutturazione dei locali in via Sommantini, ritenuti, in accordo con la Prefettura e il Comune, idonei come base per fornire assistenza materiale e sanitaria a chi ne necessita.

La Stazione Centrale del capoluogo lombardo non è di certo un luogo adatto per gestire l’emergenza immigrati; la disponibilità a collaborare, da parte delle F.S, è diretta a salvaguardare il diritto dei pendolari, di muoversi liberamente all’interno delle stazioni, e a tutelare un patrimonio che il gruppo F.S sta valorizzando.

Due bimbette mangiano mogie un biscotto, offerto da una volontaria, attorno a tante altre giovani donne, e altrettanti ragazzi. Un gruppetto di adolescenti, alle 3 del pomeriggio, tenta ancora di dormicchiare sulle panchine, attorniate da un via vai di operatori sociali, agenti della polfer, fotografi, passeggeri comuni, che sbucano dalle scale mobili con i loro trolley, sul piano ammezzato, guardandosi attorno stupiti. Il mondo continua a scorrere intorno, la Terra continua a ruotare attorno al Sole, ma da un lato all’altro, vagamente separata dalle transenne, la folla di siriani ed eritrei esiste davvero, e pare aumentare ad ogni battito di ciglia.

immigrazione

Ma cosa stupisce realmente il cittadino medio italiano?

“Milano da sola non ce la fa”, si sfoga l’assessore alle politiche Sociali, Pier Francesco Majerino; per l’ennesima volta si tenta di spiegare al mondo, all’Europa in particolar modo, che tutte queste persone, ammassate come animali tra i marmi della Stazione Centrale, hanno come obiettivo di raggiungere il Nord Europa.

Certo, l’emergenza ha raggiunto livelli epocali, ma è forse la prima volta che siamo costretti a vedere tali orrori?

L’emergenza è Europea, e di fronte a questa, non possiamo non notare la difficoltà dell’Unione Europea stessa, che, barricando le frontiere, dimostra ancora una volta la vera natura dell’unione, puramente economica, anziché politica.

Si dice che l’Italia sia un Paese accogliente e capace di integrazione, sarà davvero così?

La sola cosa certa, ad oggi, è che la povertà, il disagio, il degrado, è sotto i nostri occhi ogni giorno, immigrati, clandestini, profughi, o cittadini italiani, quale differenza potrà mai fare?

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.