La gelataia di Mantova

gelataia 1Una vera svolta, una botta di vita, il coraggio di rischiare per fare qualcosa di completamente diverso, da bancaria a gelataia.

Nella sua gelateria si può trovare persino il malaga, uno dei gusti storici del gelato, che ormai sembrava scomparso per sempre e che i clienti hanno richiesto a gran voce.

Ma da sempre i gelati più richiesti sono quelli dal gusto più classico, dal  fiordilatte al limone fino ad arrivare alla fragola, oppure le specialità della casa, il tiramisù e il cheesecake.

Sono i gelati che Susanna Valbusa, 38 anni, residente a Ponte sul Mincio, in provincia di Mantova, prepara nel suo laboratorio, per poi venderli nei paesini con un carretto a pedali oppure presso la Bottega del Gelato naturale a Peschiera del Garda.

E i dodici gusti che la giovane gelataia prepara nella sua bottega sono vendutissimi nelle sagre e fiere del mantovano o tra i ciclisti che girano sul Mincio in questa caldissima estate, tramite la Mantova – Peschiera. 

Susanna ha aperto il negozio a maggio di quest’anno, come a segnare l’inizio di una nuova tappa nella sua vita.

“Ho lavorato in banca per otto anni e mezzo, poi nell’allevamento di cani dei miei genitori” dice “Infine ho seguito due corsi di gelateria a Grosseto, uno di tecnica base e uno avanzato, e a 38 anni ho capito cosa volevo fare nella vita”.

Non possono esserci ferie in agosto per Susanna, dato che il lavoro di gelataia è duro, ma appagante “Comincio a preparare i gelati alle 9.30 e finisco di lavorare dopo mezzanotte” compreso il fine settimana.

E per Susanna è la miglior soddisfazione è chi gli dice che il suo gelato è davvero unico, grazie al fatto che non ci sono i preparati industriali “che rendono tutti i gelati uguali” e vengono usate solo materia prime pesate a mano e di qualità bio, coltivate a impatto zero.

Inoltre nel gelato di Susanna ci sono solo derivati delle piante e non addensati chimici, come conferma il successo sempre più crescente degli ultimi gusti “In questo periodo non faccio in tempo a preparare certi gelati, come il sorbetto all’anguria, che spariscono”.

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.