Lingerie 2019: hot in top!

Lingerie 2019: hot in top!

Dimenticate l'intimo total black o in total block. Dite addio a quei tristi...

Comunicato Comitati Pendolari: risposta all'AD di Trenord

Comunicato Comitati Pendolari: risposta all'AD di Trenord

Nell'audizione della V Commissione Regionale del 21 Marzo Trenord ha fatto il...

10 cose strane a Milano che non conoscevi

10 cose strane a Milano che non conoscevi

Milano è una città dai molti misteri, ormai entrati nella leggenda, ma che...

Un viaggio nella vita di Leonardo da Vinci

Un viaggio nella vita di Leonardo da Vinci

Un weekend davvero interessante, nato dalla collaborazione con ...

Avocado Week dal 28 al 31 marzo a Lambrate

Avocado Week dal 28 al 31 marzo a Lambrate

Un weekend a Milano all'insegna del frutto esotico che fa impazzire...

Nuovo Stadio a Milano? Meglio San Siro rinnovato

Nuovo Stadio a Milano? Meglio San Siro rinnovato

Presto Milan ed Inter presenteranno le loro proposte al Comune di Milano...

Le streghe, queste sconosciute

Le streghe, queste sconosciute

Siamo nel periodo della Quaresima e in molti luoghi della nostra Penisola si...

Cambio ora 2019: torna l'ora legale il 31 marzo

Cambio ora 2019: torna l'ora legale il 31 marzo

Nella notte tra sabato 30 e domenica 31 marzo 2019 si passerà dall'ora solare...

Year of Magic: Gardaland apre l'anno dedicato alla magia

Year of Magic: Gardaland apre l'anno dedicato alla magia

Mancano pochi giorni all’inizio della nuova entusiasmante stagione di...

Expo: il padiglione “invisibile”, solo un sorriso

expo india 1Non si sa perchè nel cuore dell’area fiera di Rho, dove fino al 31 ottobre c’è Expo 2015, l’India, il secondo Paese al mondo per popolazione, non un suo padiglione.

Eppure, in qualche maniera, l’India è a Expo, con un pizzico di discrezione, come se fosse sotto mentite spoglie.

Secondo le ultime notizie, il governo indiano per Expo aveva affittato uno spazio di ben tremila metri quadrati, ma prima dei lavori ha tentennato fino all’ultimo momento, quando poi ha detto di no.

Il motivo probabilmente sono stati i timori di ripercussioni negative legate al caso dei due Marò, che negli ultimi anni ha visto l’ambasciata di Nuova Delhi a Roma vittima di centinaia di lettere e di mail offensive, oltre ad un proiettile in una busta, mentre il presidente di Fratelli d’Italia Ignazio La Russa ha detto che fino a quando la questione marò non si risolverà, l’India era non gradita in Italia.

Di fronte a tutto questo il commissario unico di Expo 2015, Giuseppe Sala ha cercato di mantenere il sangue freddo e la lucidità, poi ha detto “Il tema è di carattere politico e lo lascio alla Farnesina” che ha preferito la cautela e la ragion di Stato.

Ma in una visita al cluster del riso, collocato a metà del decumano, dove ci sono i Paesi che volevano esserci, ma non potevano affrontare la spesa per un padiglione ufficiale, come Myanmar, Laos, Bangladesh, Cambogia e Sierra Leone, si nota una zona dedicata al basmati, una della varietà più pregiate di riso al mondo.

Dopo esserci entrati, però, si capisce subito che il basmati è lì per ospitare l’India, come dimostrano moglie e marito che si trovano dietro il banchetto del principale produttore di basmati dell’India, mentre sono indiani i cuochi e i camerieri del ristorante che con una decina di tavolini serve piatti tradizionali del paese, che hanno dato vita anche a una protesta riguardo il datore di lavoro, una società con sede a Honk Kong, a causa di alcune irregolarità contrattuali, mentre gran parte dell’area è piena da Buddha in tutte le fogge, misure e materiali, sciarpe di seta lunghissime, sari variopinti, collane e gioielli.

“Sì, è vero. Questo è il padiglione nascosto dell’India” dice una delle persone che ci lavorano “Il basmati è un pretesto, lo sappiamo tutti. Alcuni visitatori non sanno nemmeno cos’è e quando entrano dicono subito “Ma questa è l’India!” e corrono fuori a chiamare gli altri”.

Ma non c’è nessuna conferma ufficiale “Non possiamo dare spiegazioni, ci limitiamo a un sorriso”.

Paola

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.