• Home
  • ARTE
  • Monza nuova vita per gli affreschi di Teodolinda

Monza nuova vita per gli affreschi di Teodolinda

teodolinda monza 1Dal 16 ottobre sono tornati a una nuova vita gli affreschi della storica cappella del duomo di Monza, riaperta dopo un lungo restauro, che nel Cinquecento fu consacrata alla memoria della regina longobarda Teodolinda, donna che con il suo fascino e la sua intelligenza, si sposò due volte con re longobardi e diede un notevole impulso alla conversione al cristianesimo degli ariani in Lombardia.

Nella cappella della basilica di San Giovanni troviamo il ciclo di affreschi dipinto dalla bottega lombarda degli Zavattari, che ricorda la sua figura di stimata sovrana, elegante mecenate, donna forte nella sua fede, che dopo la sua morte nel 627 venne sepolta nel Duomo, dove venne onorata dai cittadini in un’aura di santità.

Il monumentale ciclo è formato da 45 scene, distese su una superficie di 500 metri quadri e con cinque registri sovrapposti, che lo rendono una delle più importanti serie pittoriche italiane dipinta in stile gotico.

Ma con il passar dei secoli, a causa dell’umidità e di alcuni intereventi di restauro non perfettamente riusciti, i delicati e sfumati colori, le decorazioni dorate a rilievo, gli eleganti tessuti delle vesti, i volti degli 800 personaggi parte integrante della narrazione, tratta dai resoconti storici di Paolo Diacono nella sua Storia del Longobardi dell’VIII secolo, e del trecentesco Chronicon Modoetiense dello storico monzese Bonincontro Morigia, erano a rischio.

La Fondazione Gaiani, l’ente che sovraintende alla gestione, tutela e valorizzazione del patrimonio artistico del duomo, con la collaborazione della società Anna Lucchini Restauri in sei anni ha speso tre milioni di euro, con tecniche tradizionali d’intervento e metodologie nuove e all’avanguardia studiate appositamente, come il laser e le nano tecnologie, allo scopo di ridare alle pitture l’antico splendore.

E adesso, grazie all’aiuto economico di World Monuments Fund Europe, un’organizzazione privata senza scopo di lucro per la conservazione di siti e monumenti nel mondo, di Marignoli Foundation, Regione Lombardia e Fondazione Cariplo, la cappella di Teodolinda sarà di nuovo visitabile dal pubblico e dai turisti, che potranno riscoprire un gioiello pittorico del Quattrocento. 

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.