• Home
  • EVENTI
  • Festa di San Martino a Bovisio Masciago novembre 2015

Festa di San Martino a Bovisio Masciago novembre 2015

sagre lombardia milanofree

Con questo articolo voglio portare a conoscenza dei lettori le varie sagre e fiere che si svolgono, in sostanza ogni mese dell’anno, nel nostro territorio lombardo. Ne illustrerò una ogni quindici giorni, così da permettere a chi volesse partecipare, di organizzarsi. Fiere e sagre ve ne sono moltissime e praticamente di ogni genere, questo mi da l’opportunità di esplorare e cercare di proporre sempre qualcosa d’innovativo, riservando uno spazio ai paesi più piccoli.

Inizio da Novembre, e per questa prima volta vi propongo la “Festa di San Martino” a Bovisio-Masciago, in Provincia di Monza e Brianza. In dialetto brianzolo si dicono Buvis e Masciagh. Il paese che è attraversato dal fiume Seveso, è uno dei comuni del Parco delle Groane, del Parco del Grugnotorto-Villoresi e dell’Oasi della LIPU. L’origine del nome Bovisio deriverebbe da “Bovis Otium”, e stava a indicare, dove l’esercito romano teneva le sue vettovaglie e gli animali, mentre Masciago si fa risalire al termine “ Martis Ager”, in altre parole “campo di Marte”, probabilmente dove i Romani avevano il loro esercito.

Non vi sto a descrivere il paese né a elencare ciò che d’interessante potete visitare, o l’elenco di personaggi illustri che hanno portato il comune agli onori della cronaca, queste cose le lascio scoprire al visitatore, mio scopo, come ho detto nella premessa, è quello di invitarvi alla festa e sagra del paese.

La manifestazione più nota è quella legata al patrono del comune, la festa di San Martino di Tours, che si svolge la seconda domenica di Novembre, che quest’anno cade il giorno 8 novembre, anticipando di tre giorni la ricorrenza del Santo dal calendario. La festa patronale si è sempre festeggiata nel modo migliore, ricordando quando le massaie, proprio per l’occasione cuocevano il pane e mettevano in forno l’oca, per arrostirla al meglio, e come dolce sfornavano la “torta papina”. Questa torta è conosciuta anche con i nomi di “torta paesana”, “ torta di pane” o “Pacianella”, ed è tipica della Brianza e considerato piatto povero poiché si faceva con ciò che si aveva a disposizione.

Ovviamente le bancarelle, soprattutto di dolciumi e leccornie non potevano mancare, soprattutto per attirare l’attenzione dei bambini e dei più golosi. Poi, dal 1945, un gruppo di volontari decise di arricchire la festa organizzando un corteo, con tanto di soldati a cavallo, in abiti dell’epoca per ricordare le gesta di San Martino che, come tutti sappiamo, ha diviso il suo mantello a metà per donarlo a un povero tutto infreddolito. In seguito è nata l’Associazione comitato San Martino, che si occupa dell’organizzazione della celebrazione. La tradizionale sfilata storica, in costume, prevede più di cento figuranti, con quaranta cavalieri, soldati sulla biga e carri trainati da buoi, e la rievocazione del taglio del mantello con la spada. Alla ricorrenza è abbinata una marcia competitiva di dieci chilometri tra il verde dei parchi e il centro storico della cittadina. Ovviamente non possono mancare giostre e bancarelle varie. Alle ore 15.00 in oratorio, uno spettacolo di burattini per bambini, mentre alle 15,30 apertura mostra percorsi d’arte.

Il Comune si può raggiungere in auto direzione Meda, in treno dalle Ferrovie Nord Cadorna; arrivo in trenta minuti.

Una occasione domenicale per conoscere un comune della nostra bella terra lombarda.

 

Leggi anche:
 
Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.