Mantova una mostra per Aldo Andreani

andreani mantova 1Dal 6 novembre al 31 gennaio 2016, presso le Fruttiere di Palazzo Tè, nel centro storico di Mantova, si potrà visitare la mostra Aldo Andreani architetto, a cura della Triennale di Milano, nata partendo da un’idea del Politecnico di Milano e dello Iuav di Venezia.

Nato a Mantova nel 1887, Aldo Andreani era un sognatore, che non andò mai a Barcellona e in India, eppure s’ispirò a quei posti per il progetto della Camera di commercio di Mantova, che venne edificata all'inizio del Novecento.

Tra aperture intercontinentali, tuffi nel passato e un grande rigore tecnico, Andreani fu un grande viaggiatore nel mondo dell’architettura del Novecento italiano fino al 1971, quando morì nella sua casa di Milano.

L’apertura della mostra è una grande mappa di Mantova, dove sono evidenziati i lavori di Andreani nella sua città, la Camera di commercio, la Casa Schirolli-Bulbarelli sul Rio, Villa Risi di Pietole, Villa Zanoletti a Volta Mantovana, la Rocchetta di Bosisio Parini, ispirate alle ville di campagna inglesi, come lo sono il Palazzo Fidia in via Mozart a Milano e la vicina Esedra del complesso Sola Busca.

Ma ci sono anche i progetti mai realizzati, come una via monumentale che da Corso Pradella avrebbe collegato il Teatro Sociale con la lunetta dei Martiri a Belfiore e quello che avrebbe dovuto trasformare la chiesa di Cittadella in un santuario.

Dopo la fine della prima guerra mondiale Andreani lavorò al quartiere dei giardini Serbelloni a Milano, oltre a spiagge per grandi hotel in Liguria e a Taormina, dedicandosi non solo agli edifici, ma anche alle cancellate, le scale interne, i mobili, le lampade, fino ai tessuti.

Si dedicò anche alla pubblicità delle calze da donna in seta e progettò un nuovo palazzo delle assicurazioni Toro, ma il lavoro venne fermato e concluso da altri architetti.

Negli ultimi anni Andreani s’interessò alla scultura, con opere come un Torso di donna, Manto e il busto di Jia Ruskaia, la fondatrice a Roma dell'Accademia nazionale di danza, che anni prima era stata fotografata da Ghitta Carell, amica di Andreani e collaboratrice degli architetti italiani del ventennio fascista.

Aldo Andreani Architetto
dal 06-11-2015 al 31-01-2016

Fruttiere di Palazzo Te
viale Te, 13 - 46100 Mantova
Orari:
Lunedì 13.00-18 .00
Martedì – Domenica 9.00-18.00
Chiusura biglietteria un’ora prima dell’orario di chiusura della mostra
Ingresso:
intero 6 €, ridotto 4 €, gratuito fino a 11 anni

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.