• Home
  • CRONACA
  • Musulmani a Milano: flop manifestazione noterrorismo in Duomo

Musulmani a Milano: flop manifestazione noterrorismo in Duomo

mussulmani duomo milanoNo al terrorismo e vicinanza a Parigi dopo i tragici eventi dello scorso weekend. In piazza Duomo a Milano quella che sarebbe dovuta essere una manifestazione sentita e un distinguo da chi nel nome della religione musulmana compie atti barbari fuori dal tempo e dalla storia si è purtroppo rivelata un mezzo flop.

Solo circa 500 i manifestanti di cui un centinaio di italiani su una popolazione di 150mila musulmani residenti a Milano è un sicuramente un risultato deludente. Molti i delusi di una mancata partecipazione massiccia in uno stato, l'Italia, che tutela ampiamente i principi in tema di libertà religiosa e il multiculturalismo, accordando pari dignità alle espressioni dei vari gruppi sociali che vi convivono.

La manifestazione di oggi in piazza Duomo a Milano lascia l'amaro in bocca se si confrontano i numeri con  la piazza Duomo gremita di musulmani il 5 gennaio 2009 dove per una manifestazione anti Israele arrivarono in centro almeno 5.000 persone, con gli islamici che poi si misero a pregare, in maniera provocatoria, di fronte al Duomo di Milano.parigi pace

"Evidentemente il no al terrorismo, dice Silvia Sardone di Forza Italia, non è poi così sentito dalla comunità musulmana lombarda mentre lo è molto di più insultare Israele o fare gesti eclatanti per ottenere le moschee accanto al sagrato del Duomo. Inoltre stonano le dichiarazioni di Piccardo sull'islamofobia e sulle strumentalizzazioni politiche e quelle di Shaari contro Sallusti. Non era il caso di aggiungere lamentele e considerazioni politiche in un presidio che doveva essere solo di solidarietà alle vittime di Parigi e chiaro no al terrorismo.

Il flop di questa manifestazione lascia molti dubbi e preoccupa tantissimo, non bastano dichiarazioni per dire "Not in my name" quando invece bisognava dimostrarlo scendendo in migliaia in piazza Duomo."

Ricordiamo che proprio a Milano ci sono ben 2 progetti per la costruzione di due nuove moschee. Un motivo di orgoglio, oltre che l’attuazione di un principio di civiltà, o  -  contrariamente - un segnale di cedimento nei confronti di una cultura che spesso si dimostra lontana dai nostri valori morali e costituzionali oltre che ingrata verso il paese che li accoglie?

Sicuramente un'occasione persa da parte dei musulmani per bene che avrebbero dovuto scendere in piazza per dare un forte segnale rispetto a chi usa la loro religione per fini diversi e barbari.

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.