• Home
  • CRONACA
  • Sesto San Giovanni: Massacra i genitori a coltellate

Sesto San Giovanni: Massacra i genitori a coltellate

carabinieriTragedia alle porte di Milano. 

Ieri notte un 26enne di Sesto San Giovanni (Mi) con problemi psichici accertati dal medico, viene arrestato in quanto confessa di aver ucciso a coltellate i propri genitori. A darne l'allarme i vicini di casa che a notte fonda, insospettiti dalla televisione ad altissimo volume, hanno sentito dei rumori e delle urla proveniente l'abitazione. Il vicino di casa dice di aver bussato piu' volte alla porta dell'abitazione delle vittime, senza ricevere risposta, così da allarmarsi da chiamare la Polizia.

Una volta sul posto, la Polizia apre la porta della casa e lo scenario è tragico, la mamma accasciata a terra, in soggiorno ormai senza vita. In camera da letto giaceva senza vita il padre, che per problemi di diabete era obbligato, dal 2010 a vivere sulla sedia a rotelle, perché amputate entrambe le gambe. Entrambi sono stati uccisi con diversi colpi di coltello. Il ragazzo era in evidente stato confusionale, sporco ancora di sangue.

I vicini dicono: "tragedia annunciata, il ragazzo era aggressivo e pericoloso" "i genitori due bravissime persone".

Una volta portato in caserma ha confessato l'omicidio, adducendo una lite con sua madre come motivo scatenante. "Mia mamma mi voleva portare in una comunità terapeutica". Pare che il ragazzo oltre ad avere problemi psichici, e problemi legati all'alcool, facesse uso quotidiano di cannabis. Preso dal panico, avrebbe prima ucciso il padre perché urlava spaventato dalla lite tra moglie e figlio, poi tornato dalla madre avrebbe infierito su di lei con diverse coltellate.

Già a novembre i carabinieri erano intervenuti presso l'abitazione della famiglia a causa di una forte lite tra madre e figlio.

Il ragazzo è stato arrestato per duplice omicidio e trasportato nel carcere di Monza.

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.