• Home
  • CRONACA
  • Milano, lo smog, e il capodanno. La situazione è preoccupante

Milano, lo smog, e il capodanno. La situazione è preoccupante

Sono passati oramai cinque giorni dal Natale e ci stiamo avvicinando al tanto atteso Capodanno anche se non tutte le rotelle della città meneghina sono a posto. O meglio, un gran numero di tubi del gas a Milano sono rotti. Per spiegarla meglio: Milano è una camera a gas e lo smog che circonda la città non è dei più innocui ma soprattutto può davvero risultare un pericolo per i suoi cittadini.

Da alcuni giorni i media hanno cominciato a esporre alla massa quello che avrebbero dovuto raccontare già anni fa. Probabilmente lo hanno fatto, ma non al meglio. Le polveri che accarezzano il Duomo sono pericolose e i dati che ci presentano gli esperti sono tutt'altro che rassicuranti e sembrano peggiorare di giorno in giorno.

smogmilano

Sono anni che i movimenti ambientalisti denunciano il fatto che le rivelazioni riguardanti i materiali inquinanti siano particolarmente fallaci, tuttavia i cittadini ma prima di tutti le istituzioni non se ne occupano o addirittura non prendono nemmeno in considerazione che l'aria di Milano sia effettivamente irrespirabile.

Dal suo blog, lo scrittore Jacopo Fo, denuncia a destra e a manca quello che potrebbe rivelarsi uno scenario orribile e spaventosamente sottovalutato scrivendo così: "Esiste l’intelligenza della folla ma esiste anche l’idiozia collettiva.
Ero a Milano giorni fa e parlavo con un mio amico. E gli dico: “Cazzo, sto soffocando, mi sveglio la mattina con la palta nei polmoni”
E lui: “Beh, sì, tu a furia di stare in campagna non sei più abituato!”
Ma porca miseria! Incredibile! Ti dicono proprio che sei un deboluccio perché la campagna ti ha rammollito e hai bisogno di respirare… Ai milanesi lo smog ci rimbalza… Sono abituati… Poi vai a vedere i dati dell’Oms e scopri che vivono quasi cinque anni di meno di quelli che stanno a Macerata… Sì, perché la sfiga è che proprio quando eri lì lì che avevi imparato a fare a meno di respirare, cazzo, sei morto."

Mentre a Bologna, Roma e Firenze prevedono che fino al 31 di Dicembre non ci saranno precipitazioni a causa dell'inquinamento, a Milano succede la stessa cosa ma il comune precisa che le valutazioni sui blocchi di circolazione e sui controlli delle auto saranno credibili solamente dopo tre giorni. Analizzando i dati non ancora validati delle centraline poste dall'Arpa a Milano, è possibile constatare come i valori del Pm10 e del Pm2.5 non siano affatto scesi il 28 dicembre, primo giorno del blocco auto imposto dall'amministrazione comunale. Nel capoluogo lombardo, infatti, sono state ben 310 le multe erogate su 1700 controlli effettuati dalla polizia locale.

"Un'idiozia" commenta il leader del carroccio Matteo Salvini, il quale ritiene complessivamente inutile l'azione di Blocco totale traffico Milano dal 28 al 30 dicembre da parte delle autorità milanesi. Critiche aggiuntive e relativamente utili verso l'amministrazione Pisapia, la quale, a detta di Salvini: "Ha portato via 100 milioni di euro ai milanesi con Area C e la qualità dell'aria non è migliorata per un accidente e tutto quello che dice che ha fatto lui lo hanno fatto Albertini e Moratti, dal noleggio biciclette alle nuove metropolitane. Abbiamo un poveretto come sindaco di Milano, ancora per poco per fortuna".

Matteo Mario

Leggi anche:

Capodanno a Milano, il Comune vieta botti e petardi

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.