• Home

La marcia dei contadini di Giuseppe Pellizza. Il Quarto Stato

Era quasi un secolo fa, il 1920, quando il Quarto Stato di Giuseppe Pellizza da Volpedo del 1898-1901, entrò a far parte delle Civiche Raccolte milanesi. La marcia dei contadini che, per il loro incedere solenne inquietava la borghesia milanese.

Giuseppe Pellizza giunge a una tecnica divisionista influenzato dalle novità francesi del puntinismo e dalle teorie e tecniche innovative promosse in Italia da Segantini e Previati. Pellizza sviluppa così una poetica pittorica dove, attraverso l'effetto illusionistico dato dalla stesura del colore a tocchi separati, le forme della natura esprimono contenuti di grande realismo. Qui, in quest'opera grandiosa, realtà e idea non sono elementi contrapposti, ma si integrano attraverso un dialogo.

volpedo 11In Quarto Stato Pellizza rappresenta un episodio di cronaca, una manifestazione di contadini ridotti alla fame, dove vi è trasfigurata la rappresentazione allegorica delle ideale socialista. La realtà sociale del tempo che si contrappone al conservatorismo politico del tempo, in una società pronta a cambiare, ma ancora relegata in vecchi dogmi.

L'opera di Pellizza da Volpedo è il frutto di uno studio durato decenni, dai primi schizzi di scioperanti realizzati da vivo, fino a diverse prove pittoriche, come Ambasciatori della Fame del 1892 e Fiumana del 1896.

La scena rappresentata nel Quarto Stato è ambientata nella piazza del borgo natale dell'artista (Volpedo vicino Alessandria) e le singole figure degli scioperanti sono studiate facendo posare i braccianti del luogo. Nel centro campeggia il personaggio maschile, affiancato da un uomo più anziano e dal una donna con in braccio un bambino, quest'ultima allegoria della rinascita.

I lavoratori marciano nell'oscurità e osservando attentamente la grande tela, si può sentire l'eco del vociare e il rumore pesante e stanco della folla. La luce è usata dal Pellizza in maniera simbolica: i lavoratori camminano verso la luce meridiana "del sole dell'avvenire" se sembra accoglierli.

La composizione è impostata su un ritmo architettonico regolare e pacato, che richiama in una certa forma la Scuola d'Atene di Raffaello delle Stanze Vaticane. Questa immagine di contadini in marcia, una marcia pacifica ma determinata, è anche una provocazione, un'idea di rivoluzione della massa popolare verso la borghesia benestante.

Il Quarto Stato di Giuseppe Pellizza non è una rivoluzione violenta o una guerra sanguinosa come troveremo poi in Picasso, ma è l'ineluttabile cammino dei lavoratori e di tutta la Società.

Leggi anche:

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964