• Home
  • CRONACA
  • Family Day, Maroni: la prossima volta illuminerò anche Palazzo Lombardia

Family Day, Maroni: la prossima volta illuminerò anche Palazzo Lombardia

family day milanoContinuano ad imperversare le polemiche relative alle unioni civili che, nel corso dei giorni precedenti hanno infiammato il web in merito alla decisione della giunta della Lombardia di illuminare il Pirellone con la scritta “Family Day”.

La decisione ampiamente sostenuta da Roberto Maroni, è stata ancora una volta rimarcata con fermezza dal presidente della Regione Lombardia in diretta radio ai microfoni di Radio 24: “perché l’amministrazione comunale di Milano può sostenere la manifestazione arcobaleno e noi non possiamo farlo con il Family Day? O ancora, perché la presidente della Camera Laura Boldrini può schierarsi apertamente contro la manifestazione a favore delle unioni civili che si è tenuta sabato a Roma e il presidente della Regione Lombardia non può esprimersi a favore della famiglia tradizionale?”.

Poi la provocazione: “è il solito “doppio pesismo” della sinistra, al quale rispondo in questo modo: non solo continuerò a fare quello che ho fatto, ma la prossima volta illuminerò anche l’altra sede della Regione, Palazzo Lombardia”.

Il sostegno volto alla famiglia tradizionale è per Maroni, come previsto dall’articolo 29 della Costituzione: “parte del mio programma elettorale. Quindi a maggior ragione faccio bene a comportarmi in questo modo”.

In merito alle unioni civili, il presidente ha sostenuto invece di “non essere d’accordo, perché un bambino ha bisogno di una mamma e di un papà. Io sono per i diritti di tutti, ma non si possono equiparare altre forme di unione alla famiglia naturale”.

Immediata la reazione della contro protesta che tramite il sito change.org ha organizzato una petizione per chiedere al Comune di Milano l’illuminazione della Stazione Centrale con i colori Arcobaleno.

Intanto è prevista per il prossimo 29 gennaio l’iniziativa “Accendiamo L’AMORE, spegniamo l’omofobia!”, promossa ed organizzata da I Sentinelli di Milano, un movimento di opposizione alle Sentinelle in Piedi.

L’appuntamento è previsto sotto Palazzo Pirelli a partire dalle ore 18.

Sulla pagina Facebook i sostenitori del movimento raccontano dell’iniziativa sottolineando: “pensavate che per I Sentinelli un palazzo acceso con quella scritta non diventasse un’occasione così invitante? E allora venerdì pomeriggio a poche ore dal Family Day restate a Milano. Che qualcosa da dire dopo sabato 23 l’abbiamo ancora” ed invitando i partecipanti interessati a portare con sé “luci, torce, occhi di bue, faretti accendini, cellulari, cuoricini colorati, palloncini, candele. Illuminiamo il cielo intorno al Palazzo della Regione con le nostre ragioni”.

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.