• Home
  • BENESSERE
  • Caffè: vizio o virtù? Tutto quello che c’è da sapere

Caffè: vizio o virtù? Tutto quello che c’è da sapere

caffeIl caffè è certamente tra le abitudini più irrinunciabili degli italiani, ma il suo consumo apporta benefici o è meglio starne alla larga?

Sul tanto dibattuto argomento gli studiosi si dividono da sempre: se i più recenti studi lo indicano come una bevanda dagli effetti positivi sulla salute cardiovascolare, è pur vero che un consumo eccessivo potrebbe secondo alcuni incrementare il rischio dell’osteoporosi.

Come confermato anche dall'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare, il caffè è tra le bevande più consumate per la sua capacità di aumentare la concentrazione e di farci sentire più “svegli”, ma sono in tante le cose ancora da scoprire che in molti non conoscono affatto:

  1. Aiuta a perdere peso: tra le tante virtù del caffè ci sarebbe persino la riduzione del girovita. Secondo il nutrizionista Nigel Denby, grazie al suo basso contenuto di calorie il caffè è da considerarsi un “buon soppressore di appetito”. Ma in particolar modo il caffè verde, cioè quello non tostato, sarebbe da preferire per quanti tengono a rimettersi in forma, dal momento che grazie all’acido clorogenico, riduce l’apporto di zuccheri ed aumenta il metabolismo.
  2. Riduce gli attacchi cardiaci: secondo alcune recenti ricerche, il caffè aiuta a ridurre l’incidenza degli attacchi cardiaci, contribuendo anche a fornire energia ai muscoli. Ma attenzione: per chi soffre di problemi cardiovascolari il caffè espresso è da evitare, dal momento che, come spiegato dal cardiologo Graham Jackson, gli alti livelli di potassio in esso contenuti possono provocare pericolose variazioni nel battito cardiaco.
  3. Un aiuto per l’intestino: bere di prima mattina una tazzina di caffè può stimolare l’intestino perché aumenta le contrazioni intestinali, ma contrariamente a quanto si potrebbe credere, non è da considerarsi un valido aiuto in caso di stitichezza. E’ importante ricordare però che è preferibile non bere caffè a stomaco vuoto, in quanto stimola la produzione di succhi gastrici che irritano le pareti dello stomaco e possono causare anche gonfiore addominale.
  4. Fragilità ossea: un consumo eccessivo di caffè può danneggiare le ossa perché la caffeina riduce l’assorbimento del calcio, causando l’osteoporosi. Per i soggetti a rischio è consigliabile sorseggiare un caffè macchiato, in quanto la presenza del latte controbilancia l’assunzione del calcio.
  5. Macchie sui denti: contrariamente a quanto normalmente si creda, bisognerebbe davvero fare un uso smodato di caffè per incidere sul colore dei denti! Secondo alcuni studi, il sarebbe di gran lunga peggio, mentre nel caffè ci sarebbe un agente chimico capace di contrastare efficacemente gli effetti negativi causati dal batterio Streptococco mutans.
  6. Alito cattivo: il caffè aumenta la disidratazione della bocca e se si abusa con troppe tazzine al giorno, il risultato che si ottiene è che le cellule della mucosa non hanno il tempo di rinnovarsi e muoiono. Per evitarlo, è sufficiente sorseggiare il caffè ed intanto mangiare qualcosa, o in alternativa, masticare un chewing-gum senza zucchero.
  7. Alzheimer: secondo quanto è stato dimostrato da una ricerca condotta dall’Institute for Scientific Information on Coffee, l’abitudine di bere caffè può ridurre l’incidenza dell’Alzheimer fino al 20%. Le sostanze antiossidanti in esso contenute sono infatti capaci di ridurre il deterioramento delle cellule cerebrali.
  8. Occhio ai reni: per i suoi effetti diuretici, un consumo eccessivo di caffè può comportare problemi per i reni ed irritare la vescica.
  9. Amico/nemico della pelle: se consumare smodatamente la bevanda tanto amata può causare disidratazione della pelle, è pur vero che, grazie ai suoi potenti antiossidanti il caffè è stato riconosciuto come un valido alleato contro il temuto melanoma.
  10.  Diabete: alcuni studi americani hanno dimostrato che il consumo di caffè possa considerarsi un aiuto anche per il diabete di tipo 2 grazie alla presenza di antiossidanti.
  11.  Muscoli: i ricercatori dell’Australian Institute of Sport hanno dimostrato che il consumo di una sola tazzina di caffè aumenti di un terzo la resistenza agli sforzi fisici, dal momento che fornisce una vera e propria spinta ai muscoli fornendogli maggiore energia.
  12.  Reattività: la maggiore reattività fornita dal caffè è nota a tutti ed è forse tra le cause principali del suo consumo. Ma ci sarebbe anche un altro effetto benefico, cioè la produzione di dopamina, il cosiddetto ormone del buonumore che è capace di ridurre temporaneamente la sensazione di stanchezza. Ma attenzione all’assuefazione che al contrario annulla gli effetti benefici.
Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.