Milano Weekend con il Tredesin de Marz

tredesin de marz 1Domenica 13 marzo, verso le 15, Visite Guidate per Tutti proporrà Il Tredesin de Marz e l'arrivo della primavera, che partendo da un’antica festa legata alla nascita del cristianesimo a Milano, poi sinonimo della Festa dei Fiori, condurrà alla riscoperta di miti e leggende della zona intorno al corso di Porta Romana. 

Da San Giovanni in Conca a Santa Maria del Paradiso, sarà prevista una passeggiata nei luoghi, dove nacquero numerosi miti e tradizioni legati all'acqua e alla rinascita della primavera. 

Per El Tredesìn de Marz, festa tipicamente milanese che annuncia il cambio di stagione, c’è anche la Festa dei Fiori, quando in parecchi mercati all'aperto si potranno acquistare piante fiorite per ornare finestre e balconi proprio per sottolineare l'arrivo della primavera. 

Secondo un'usanza popolare al tredesìn de marz si dovevano tagliare i capelli ai bambini, perché poi ricrescessero folti e robusti.

La leggenda narra che Barnaba, compagno di San Paolo, fosse arrivato a Milano per diffondere il cristianesimo il 13 marzo del  52 d. C e si fosse fermato per riposare nelle boscaglie al di fuori di porta Orientale. 

Al passaggio dell’apostolo la neve si scioglieva, e miracolosamente, sbocciavano i primi fiori.

Con una rudimentale croce di legno inserita in una pietra forata di origine celtica, Barnaba cominciò a predicare e fare proseliti, anche se non osava entrare in Milano per non essere obbligato a sacrificare alle statue di dei pagani che si trovavano alle porte della città.

In una bella giornata di quasi primavera, Barnaba con i suoi seguaci, durante una processione intorno alle mura, vide che tutti i simulacri stavano cadendo a pezzi.

Così l’apostolo poté entrare in città, fermandosi a Porta Ticinese per celebrare i primi battesimi.

Alla sua partenza da Milano, Barnaba lasciò ai milanesi come simbolo di fede la sua croce di legno, infissa nella pietra rotonda, che ancora oggi si può ammirare nella navata nella Chiesa di Santa Maria del Paradiso, a porta Vigentina, con le sue tredici scanalature radiali, per ricordare il giorno in cui Barnaba giunse a Milano.

Il punto di ritrovo sarà presso i resti della chiesa di San Giovanni in Conca in Piazza Missori, mentre la passeggiata durerà 90 minuti circa su un percorso in esterno.

La visita costerà 12 euro con in omaggio il libro Tradizioni e festività milanesi di Matteo Benvenuti, edito da Meravigli edizioni.

Ci si può prenotare scrivendo a eventi@visiteguidatepertutti.it oppure telefonando al numero 3336377831. 

 

Leggi anche:
 

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.