• Home
  • MOSTRE
  • Fuorisalone 2016 Milano: torna Logotel con "Poetry - 21 words for..."

Fuorisalone 2016 Milano: torna Logotel con "Poetry - 21 words for..."

poetry

Al Fuorisalone 2016 di Milano torna anche la service design company Logotel con il progetto "Poetry - 21 words for.." con la curatela scientifica di Susanna Legrenzi e Stefano Maffei e Cristina Favini come project & content manager.

Dal 12 al 17 aprile negli spazi di via Ventura 15 Logotel ospiterà una mostra all'insegna della poesia intesa come manifestazione del concreto che suscita nell'individuo delle emozioni. Saranno proprio le emozioni la chiave di volta dei vari lavori presenti a "Poetry - 21 words for...", lavori realizzati da 21 designer provenienti da ogni parte del mondo. Ancora una volta il Fuorisalone 2016 si presenta come un evento di design di ampio respiro, aperto anche a nuovi orizzonti e famosa a livello internazionale. La Poetry - quella che letteralmente in greco significa "creazione" - è il filo conduttore di questo nuovo sillabario, i cui progetti vogliono portare il pubblico della Milan Design Week 2016 a comprendere come senza la poesia non possa esistere un prodotto che sia capace di provocare spiazzamento, reazione, emozione.

"Poetry - 21 words for...", il programma delle emozioni

La mostra presente alla Milan Design Week 2016 di Logotel porterà al centro quello che da sempre muove l'uomo nei suoi istinti e nelle sue passioni, le emozioni. La natura avrà molto spazio, con progetti come The Lands of Giants - vincitore di numerosi premi internazionali - che vede trasformati piloni di 30 metri in giganti che si stagliano sul paesaggio, oppure Dig Into Nature, il lavoro di Michiel Martens che ha realizzato un "orecchio di legno" in grado di potenziare la capacità uditiva dell'uomo, consentendogli di sentire anche i rumori più impercettibili della natura che lo circonda. Shai Langen ha scelto invece di lavorare su una natura diversa, quella umana: con il suo progetto Chimera ha realizzato tessuti ibridi come muffe e funghi che crescono sulla pelle di chi li indossa, a dimostrazione di come sia difficile distinguere fra ciò che è organico e ciò che non lo è.

Minuted è invece un particolare progetto inserito all'interno di "Poetry - 21 words for...", un lavoro che presenta una macchina in cui il getto di inchiostro scrive poesie su un nastro ricoperto di sabbia che gira; terminato il nastro la sabbia cade e rimane una pila di polvere. 

 

Leggi anche:

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.