Open House Milano 2016

open house milano 2016Dopo il salone del mobile e il fuori salone Milano diventa ancora protagonista con la prima edizione del Open House Milano, nel weekend compreso tra il 7 e l'8 maggio 2016.

La manifestazione

L'Open House Milano è un evento di architettura che permetterà alla città di svelare la sua vera identità architettonica. Durante l'intero weekend sarà possibile visitare e accedere gratuitamente, supportati da guide volontarie, a oltre 70 siti architettonici per poter riscoprire e vedere spazi che per mancanza di occasioni sono chiusi al pubblico, è anche un' occasione per apprezzare quei luoghi che vediamo tutti i giorni ma non conosciamo la loro storia.

Open House Milano fa parte della rete internazionale Open House Worldwide, nata a Londra nel 1992 e che si è estesa per 4 continenti e oltre 30 città, è un movimento che parte dal basso che si pone come scopo ed obiettivo far conoscere e scoprire ai cittadini milanesi il patrimonio architettonico di Milano, valorizzando in modo particolare l'architettura moderna e contemporanea.

I siti visitabili

La città è divisa in sei Sestiere dove sono collocati gli edifici più belli della città, ora gli vediamo nel dettaglio:

Sestiere di Porta Orientale, coincide con Porta Venezia e si sposta lungo la direttrice dei corsi Vittori Emanuele, Venezia e Buenos Aires. Gli edifici presenti in questa zona sono:

• Futurdone: ristrutturato nel 2016 in via Paisello 6, palazzo liberty del 1913 sede di ritrovo degli ultimi futuristici di Milano e oggi è sede di sperimentazione per le avanguardie della contemporaneità.

• Open Care: 1899-2009 via G.B Piranesi 10, nata dal processo di riconversione dello storico complesso industriale dei Frigoriferi Milanesi, al cui interno è possibile esporre , promuovere e conservare opere d'arte.

Sestiere di Porta Romana, corre verso la direttrice sud-est, qui si trovano:

• Biblioteca Sormani: Corso di Porta Vittoria 6, è la sede della più antica biblioteca milanese.

•Torre Velasca : 1958, progetto Lissoni- Piazza Velasca. È un grattacielo storico, unico per architettura e progettazione nel panorama. È o skyline milanese.

Sestiere di Porta Ticinese: proseguimento della direttrice del sestiere della porta orientale che attaraversa via Torino. Questo quartiere si caretterizza per la naturalezza con cui gli edifici storici dialogano con esempi di riqualificazione industriale.

•Bergognone 53: di Mario Cucinella Architects, via Tortona 25. Quattro edifici ogni uno caratterizzato da un colore forte ed una piazza interna protetta da una copertura di vetro ed acciaio che crea continità tra gli edifici .

•Santa Maria Annunciata in chiesa rossa: di Giovanni Muzio, via Montegani 37. All'esterno è monumentale e sacra priva di qualunque elemento superfluo, all' interno si trova Untitled opera postuma di Dan Flavin.

Sestiere di Porta Vercellina, da Corso Magenta si estende verso est. In questo quartiere ci sono gli angoli più nascosti della città.

• Borgo Sostenibile di Favole, Gardin ,Martucci in via Rasario 14. È un Housing Sociale nel quartiere storico di Milano, è un progetto architettonico sviluppato da quattro studie prevede degli edifici residenziali lungo un percorso pedonale pubblico dove da un lato c'è una piazza pedonale e dall' altro un nuovo parco pubblico.

Sestiere di porta comasina: direttrice che attraversa Porta Garibaldi e si apre verso nord-ovest in direzione Corso Sempione.

• Galleria Lia Rumma di CLS Studio, Via Stilicone 19. È un cubo bianco che ospita una galleria d'arte contemporanea, al di fuori appare compatto ed omogeneo al suo interno invece appaiono le differenze tra i livelli indipendenti ma comunicanti tra di loro.

Sestiere di Porta Nuova: è il quartiere che ha visto il maggiore cambiamento nel suo aspetto in questi ultimi anni.

• Unicredit Pavillion, MdL in Piazza Gae Aulenti è l' esempio significativo i edificio ecologico, è costruito con una altissima tecnologia coerente con la sostenibiltà ambientale.

• Bosco verticale, di Stefano Boeri, in via De Castilla 11 è un edificio residenziale ecologico, è formato da due torri di 80 e 112 metri poste ai margini del quartiere Isola. L'obiettivo di questo edifico è la riforestazione delle aree urbane e favorire la biodiversità vegetale ed animale.

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.