• Home
  • CRONACA
  • Sciopero treni 23 giugno 2016: stop Trenitalia, Trenord e Italo

Sciopero treni 23 giugno 2016: stop Trenitalia, Trenord e Italo

Sciopero treni 23-24 giugno 2016: a rischio Trenitalia, Trenord, Italo
Per giovedì 23 giugno 2016 i sindacati USB Lavoro Privato, CAT e CUB Trasporti hanno indetto uno sciopero nazionale della durata di 24 ore del personale delle ferrovie italiane: a raschio quindi i treni di Trenitalia, Trenord e Italo. Massima attenzione per chi dovrà mettersi in viaggio nella prossima settimana. 

Sciopero treni: 23 e 24 giugno 2016

L'agitazione sindacale del personale del comparto ferrovie avrà inizio nella giornata di giovedì 23 giugno 2016 dalle ore 21.00, si protrarrà per 24 ore terminando alle 21.00 di venerdì 24 giugno. Le adesioni dei lavoratori si preannunciano notevoli in quanto a sostegno dello sciopero treni vi sono le sigle USB, CAT e CUB Trasporti. Inoltre ad aderire alla protesta saranno i dipendenti di Italo, di Trenord e di Trenitalia e i mezzi coinvolti saranno sia i treni a lunga percorrenza sia quelli regionali. 
In ogni caso saranno comunque assicurate le fasce di garanzie: sia la fascia dalle 6.00 alle 9.00 che quella dalle 18.00 alle 21.00 come in accordo con la Commissione di Garanzia (legge 146/1990). Una giornata caotica per tutti i pendolari e i cittadini, sopratutto per i turisti in Italia non informati sullo sciopero. Possibili disagi anche per il Malpensa Express e per il collegamento Malpensa Aeroporto-Bellinzona. 

Ragioni dello sciopero

La protesta si concentra sulla legge Fornero e in particolare contro l'orario di lavoro inadeguato che a detta dei lavoratori "sfinisce la vita di macchinisti, capistazione, manovratori, verificatori, addetti alle sale operative". Il precedente sciopero nazionale nel settore ferroviario risale al mese scorso (martedì 24 e mercoledì 25 maggio 2016), la lotta sindacale non si ferma e prosegue.
 
 
Sciopero treni: Trenitalia, Trenord, Italo
Quando: dalle 21.00 di giovedì 23 giugno 2016 alle 21.00 di venerdì 24 giugno 2016
 
 
Leggi anche: 

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.