• Home
  • MOSTRE
  • Mostre a Milano: A/Maze – Emotional Mapping

Mostre a Milano: A/Maze – Emotional Mapping

In occasione del nuovo appuntamento con l’arte e il design, al nhow Milano – hotel di NH Hotel Group la mostra collettiva A/Maze – Emotional Mapping ci invita a perderci tra i corridoi, come in un labirinto da scoprire ed esplorare.

amaze emotional mapping mostra milano nhow nh hotel tiziana leopizziL’esposizione è ospitata negli spazi comuni dell’hotel, ed è curata da Elisabetta Scantamburlo che spiega “Quello che vogliamo trasmettere con questa nuova mostra è la meraviglia che può nascere dalla scoperta di luoghi nuovi e di quello che essi contengono. Un incanto che parte da uno stimolo esteriore, ma può stimolare poi un viaggio interiore. Un labirinto esterno come porta verso un labirinto interno”. Per le opere esposte, gli artisti partecipanti hanno utilizzato una serie di materiali per rielaborare in chiave personale il concetto del labirinto, creando lavori inediti.

Tra le produzioni esposte quelle di Mario Corallo: nelle sue opere intime dalle dimensioni contenute, si incontrano gioia e dolore. Tra i vasi realizzati e dipinti a mano circolano delle biglie, rappresentazione ideale di sentimenti che si incontrano e scontrano tra loro. Le opere di Flaminia Mantegazza, invece si muovono tra pittura e scultura, esplorando una serie di mondi cromatici, espressione diretta del sentire dell’artista mediante la materia duttile della carta.

Anche si dedica, anche se in maniera diversissima, alla ceramica, quella di Faenza. Vasi scultorei e trasformisti che rimandano all’architettura e all’urbanistica, originali settori di lavoro dell’artista. Le sculture di Ennio Nonni nascondo una seconda anima: una volta aperti si trasformano in più vasi rivelando anche accostamenti cromatici nascosti. Il fil rouge che lega le opere di Ernesto Jannini sono i microcircuiti elettronici utilizzati in combinazione con elementi organici, pittura ad olio, e oggetti di uso comune.

Si prosegue con le tele di Elisa Lobo, tessuti filati e ricamati ad arte per reinterpretare opere di artisti celebri. Andrea Schivo invece, utilizza la carta nella sua bidimensionalità per creare collage in cui l’immagine viene sfalsata da un intervento cromatico o dall’inserimento di un’altra immagine in maniera più o meno conturbante.  Nelle tele di Lean, tessuto, carta e legno danno vita a itinerari fantastici disegnati

Torniamo alla scultura con le opere di Franco Guarneri, artista che attraverso il legno di recupero dà vita a creature inaspettate. Alti cactus e un coccodrillo a misura reale vivono così di vita nuova attraverso un materiale di scarto.

Filippo Minelli presenta un’opera parte della serie Silence/Shapes in cui l’utilizzo decontestualizzato di lacrimogeni in ambienti naturali permette di dare forma al silenzio. Elena Escard con una serie di impronte digitali da’ vita a labirinti unici. In mostra pezzi di design che sanno stupire e sorprendere con accostamenti o utilizzi inaspettati di materiali e concetti.

La mostra ospita una sezione dedicata al Design con opere di FedraVillaDesign, Ronald Scliar Sasson , Pol Quadens, Morelato, Marina Calamai, Sfizi…di design, anonimicreativi.

A/Maze – Emotional Mapping

Dal 05/05/2016 al 22/10/2016

nhow Milano

Via Tortona, 35

Ingresso libero

Copyright © 2006 - 2019 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT13181390157 MILANO TORINO PAVIA RIMINI