• Home
  • CRONACA
  • Milano, arrestati gli “scafisti di terra” per il traffico di immigrati

Milano, arrestati gli “scafisti di terra” per il traffico di immigrati

trafficanti migrantiNell’ambito dell’operazione “Transitus”, questa mattina a Milano la Polizia di Stato ha eseguito 13 ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di alcuni cittadini stranieri da tempo attivi sul territorio, accusati di associazione per delinquere finalizzata allo sfruttamento dell’immigrazione clandestina.
I cosiddetti “scafisti di terra” la cui organizzazione criminale era composta da sei egiziani, tre albanesi, due romeni, un siriano ed una brasiliana, tutti con regolare permesso di soggiorno, gestivano da diverso tempo i traffici illegali di immigrati, smistandoli nel capoluogo lombardo o nelle vicine città europee.

Grazie alla complicità di un egiziano di 37 anni stanziato in Sicilia ed in stretto contatto con gli scafisti che di consueto partono dalle coste africane, l’organizzazione criminale inviava i propri procacciatori alla Stazione Centrale di Milano offrendo i propri servizi di trasporto verso le città del Nord Europa.

Secondo quanto reso noto dalla Polizia, nel corso delle attività di indagine sono state raccolte prove sufficienti ad accertare un business di circa 20 viaggi di trasferimento al mese, per un ammontare complessivo di 70mila euro di profitti e poco più di 100 migranti trasportati in Nord Europa.

L’indagine era stata avviata dal commissariato di Monza nel 2014, poi successivamente trasmessa per competenza alla Dda di Milano, a seguito delle dichiarazioni rilasciate alla Polizia da un egiziano.

Secondo le ricostruzioni, la banda aveva infatti tentato più volte di “ingaggiarlo” come autista incaricato dei trasferimenti illegali dei migranti, ma l’uomo rifiutandosi si era rivolto alle autorità locali segnalando l’accaduto.

Al momento, soltanto tre dei tredici arresti sono stati portati a compimento a causa dell’irreperibilità sul territorio nazionale degli altri componenti dell’associazione. Intanto la Polizia ha provveduto a sequestrare tutti i veicoli normalmente utilizzati per i trasferimenti.

Le misure sono state chieste dal pm della Dda di Milano Alessandra Cerreti ed emesse dal gip Teresa De Pascale.

 

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.