• Home
  • EVENTI
  • Sagra della Lumaca Lomellina dal 2 al 4 settembre 2016

Sagra della Lumaca Lomellina dal 2 al 4 settembre 2016

lumaca chiocciolaEcco una sagra appetitosa per chi ama gustarsi un buon piatto di lumache. Siamo in Lomellina, nella provincia di Pavia, e precisamente a Valle Lomellina, dove dal giorno 2 al 4 settembre 2016, presso area feste in via Giovanni XXIII, dalle ore 19,00 alle 23,00 sarà possibile assaggiare questa leccornia.

I giorni di venerdì e sabato è prevista solo la cena, mentre la domenica è offerta anche la possibilità del pranzo. Nella locandina che pubblicizza l’evento, è riportato questo menù, con prezzi che vanno dai cinque ai sette euro.

  • Antipasto di lumache
  • Tagliolini di pasta fresca al pesto di lumaca
  • Polenta e lumache in umido
  • Polenta e lumache in bagna cauda
  • Lumache fritte da passeggio

Naturalmente è possibile, a chi non piace la lumaca, ordinare un diverso piatto.

Tra i vari intrattenimenti sono previsti un “vesparaduno della lumaca”, alle ore dieci della domenica, mentre nel pomeriggio si potrà partecipare alla “scoperta dei tesori della Lomellina”. Tutte le tre serate sono allietate da diverse orchestre per una serata danzante. La partecipazione agli eventi è completamente gratuita.

Per informazioni: bibliotecavalle@libero.it – tel. 0384/797645 oppure info@sagradellalumacalomellina.itsagra lumaca lomellina

Si può raggiungere la località in auto percorrendo la SS 494 Vigevanese, mentre via autostrada con l’A7 Milano - Genova uscita C. Gerola, con l’A21 Torino – Brescia, uscita Alessandria o Voghera e con l’A26 Gravellona Toce – Genova, uscita Casale Monferrato Nord. Via ferrovia con la linea Milano – Mortara – Alessandria.

È consigliata una visita al Comune di Valle Lomellina, che presenta degli aspetti paesaggistici e monumentali interessanti.

Perché una sagra delle lumache? Per dirla correttamente bisognerebbe dire chiocciole, tuttavia concediamoci questa inesattezza. Semplicemente perché questo cibo, così come il Riso e le Rane, ha sempre fatto parte della cucina della gente contadina che accudiva alla campagna, e così probabilmente è nata l’idea di dedicare una sagra a questo “saporito mollusco” che, cucinato con la giusta arte, è assai gradito dai buongustai.

Prima di lasciarvi, ecco alcune curiosità sulle chiocciole. Nel simbolismo cristiano divengono emblema della resurrezione, poiché essa, in primavera, rompe l’opercolo del guscio; è anche segno della verginità di Maria. Nel capitolo XVII del Libro dei Morti, si esprime il concetto che la traccia lasciata dalla chiocciola o lumaca nel suo cammino, rappresenta il percorso silenzioso dell’oscurità verso la luce. Le sue antenne-occhi simboleggiano l’attenzione, l’atteggiamento vigile, mentre la spirale del suo guscio vuole significare il mistero profondo della vita e l’unità di tutto ciò che esiste.

La simpatica chiocciola la troviamo anche nelle fiabe, una per tutti è la lumaca con un lumicino acceso sul capo, al servizio della Fata, che apre la porta a Pinocchio, è presente anche nei proverbi, tipico è quello che recita: “Sei lento come una lumaca”, oppure nelle filastrocche e anche in qualche barzelletta.

Comunque, per ritornare al motivo principale di quest’articolo, resta ovviamente l’invito a recarsi a Valle Lomellina e gustarsi un prelibato piatto di lumache. 

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.