Le Api e i loro prodotti contro il Cancro

api milanoAbbiamo imparato ad amare le Api e il loro affascinante mondo fin da piccoli grazie al cartone animato "Ape Maia" per capire poi da grandi l'enorme importanza del loro lavoro per l'ecosistema globale. Da una ricerca scientifica del prestigioso New York Cancer Research  scopriamo ora che le persone che stanno più a contatto con le api, gli apicoltori, risultano pressoché immuni da patologie di tipo tumorale, arrivando quasi ad azzerare il rischio di neoplasie.

Una scoperta sensazionale che dovrebbe far riflettere, soprattutto alla luce della moria di api dovuta a pesticidi sulle coltivazioni e comportamenti dell'uomo dannosi per l'ambiente e per se stesso. Possiamo infatti supporre che l'ambiente dove vivono le api faccia davvero la differenza anche per l'uomo, oltre al fatto che diversi specialisti avevano già evidenziato i benefici dei prodotti delle api rispetto alla possibilità di ammalarsi di cancro.

Uno studio datato 1948 del Dott. William Robinson aveva affermato che le donne potevano minimizzare la possibilità di contrarre il tumore al seno integrando nella loro dieta il polline delle api. Il Dott. L.J. Hayes aveva annunciato che “Le api sterilizzano il polline per mezzo di una secrezione ghiandolare antagonista ai tumori“. Altri medici, tra cui il Dott. Sigmund Schmid ed il Dott. Ernesto Contreras concordano sul fatto che c’è qualche sostanza nel polline che opera contro il cancro.

La cosa strana è che diversi studi concordano sul fatto che l’incidenza di morte per cancro negli agricoltori francesi è 100 volte superiore rispetto agli apicoltori francesi e fino ad oggi nessuno studio ha smentito il fatto che gli apicoltori hanno una quasi trascurabile incidenza di cancro in tutto il mondo. Che sia il fatto di consumare maggiormente i loro prodotti o lo stile di vita che impone un approccio in tutto relax o saranno le loro punture?

Tornando indietro nei tempi scopriamo che l’apipuntura, cioè farsi pungere dalle api, è una pratica non recente ma si perde nella notte dei tempi ed era utilizzata anche da personaggi famosi quali Carlo Magno e Ivan il Terribile.

apeCosa contiene la puntura di ape?

Il componente principale del veleno contenuto nella puntura di ape (apitossina) è la melittina, che ha potenti proprietà batteriche e citotossiche. Secondo studi dell'Università di Washington diffusi da varie riviste scientifiche nel marzo 2013, la melittina potrebbe essere in grado di eradicare il virus HIV lasciando intatte le cellule sane. Il veleno d’api attiva due ghiandole principali – corteccia surrenale e l’ipofisi, che a sua volta iniziano a secernere gli ormoni (come il cortisolo) che hanno un forte effetto antinfiammatorio. Il cancro e molte altre malattie degenerative sono spesso precedute da infiammazione. Il veleno d’api stimola il sistema immunitario ed è molto meno probabile che il cancro prenda piede in coloro che hanno un forte sistema immunitario.

Il veleno di ape inoltre favorisce la circolazione sanguigna in quanto dissolve la placca nei vasi sanguigni e ne favorisce l’espulsione garantendo il libero flusso di sangue. Vi sono almeno 18 componenti attivi con proprietà farmaceutiche nel veleno d’ape.

I prodotti delle Api: una medicina preziosa

ape maiaMiele, polline, pappa reale, propoli e cera sono il frutto del lavoro delle api, conosciuti fin dall'antichità per curare tantissime patologie viste le loro efficaci proprietà benefiche.

Diversi studi hanno dimostrato da tempo che consumare il miele, il polline, la pappa reale e la propoli fa sicuramente bene alla salute rinforzando le difese immunitarie. Il miele inoltre andrebbe consumato al posto dello zucchero che invece è dannoso se assunto in eccesso. Consumare il polline rinvigorisce come la pappa reale ed aiuta a rinforzare le difese immunitarie: tante ragioni per non dimenticare la laboriosa ape.

Leggi anche:

Hobby Api: diventa apicoltore a Milano

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.