• Home
  • MOSTRE
  • Mattia Barbieri. Uno – The Full Frontal. La mostra da Dimora Artica Milano

Mattia Barbieri. Uno – The Full Frontal. La mostra da Dimora Artica Milano

Dimora Artica apre la sua stagione espositiva con la mostra personale di Mattia Barbieri intitolata Uno – The Full Frontal.

mattia barbieri uno the full frontal mostra dimora artica milano tiziana leopizziPartendo dal concetto di unità totalizzante nei miti sul ritorno all’origine, Mattia Barbieri sviluppa attraverso il suo progetto l’idea di Full frontal, una dimensione in cui ogni segno è contaminato dal segno opposto, questo nel sovrapporsi crea sulla tavola uno spazio tempo in cui si concentrano una moltitudine di immagini che vanno dal vissuto personale alla cultura popolare, dall’artigianalità al linguaggio digitale, dalla sperimentazione pittorica alla storia dell’arte.

Il materiale visivo della contemporaneità viene metabolizzato dall’artista in composizioni che intendono fornirne un compendio all’interno di una spazialità che riunisce più dimensioni percettive. “Uno – the full frontal” presenta sculture e dipinti in rapporto di specularità simbolica e spaziale. Le sculture sono state realizzate unendo corni di bufalo, piccole figure umane di bronzo ed elementi di ottone. Al piano terra è esposta una scultura che presenta una figura maschile dall'aspetto primitivo, quasi come se fosse colta nell'atto di salire in senso verticale attraversando un corpo dalla forma indefinita.

Il gruppo di sculture è sospeso al soffitto, le opere sono collegate da un’asta di ottone che disegna nello spazio una sottile linea verticale. Mentre nel soppalco la verticalità si ribalta in senso orizzontale, con una scultura in cui una forma fallica fronteggia una figura femminile. Le polarità del maschile e femminile vengono descritte da Barbieri nella loro opposizione speculare.

Nei dipinti, invece, l’artista si concentra sulla percezione delle immagini e del tempo in una contemporaneità connotata dalla comunicazione digitale. La superficie pittorica accoglie varie iconografie, ogni frammento avanza frontalmente senza passare in secondo piano. I dipinti assumono un’ulteriore valenza legata alla visione della pittura come supporto per una scrittura che registra una realtà in continua mutazione.

Per Mattia Barbieri il dipingere è un riflettersi nella pittura ed insieme produzione di un oggetto sociale.
Il tempo viene registrato dallo sguardo pittorico e trasformato in atto che trascende passato e presente nell'unità dell'agire umano.

Tiziana Leopizzi

Mattia Barbieri - Uno          

dal 13 settembre all'otto ottobre 2016

Dimora Artica

Via Matteo Maria Boiardo 11 Milano

Su appuntamento

Ingresso libero

Copyright © 2006 - 2019 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT13181390157 MILANO TORINO PAVIA RIMINI