• Home
  • TEATRO
  • Erodìas al Teatro I fino al 5 dicembre

Erodìas al Teatro I fino al 5 dicembre

erodias 11 lorenza daverio

Va in scena al Teatro I dal 16 novembre al 5 dicembre Erodìas di Giovanni Testori con la regia di Renzo Martinelli e l'interpretazione di Federica Fracassi

Erodìas è una delle ultime opere scritte da Testori poco prima di morire nel 1993. Protagonista della pièce Erodiade, concubina del re Erode di Giudea, celebre personaggio del Vangelo, innamorata di Giovanni Battista al punto da volerlo condannato a morte per averla rifiutata. 

È un amore folle, sconsiderato, tragico, quello che Erodiade prova per il Battista. Un amore capace di dilaniarle l'anima, di scuoterla nel profondo anche dopo la morte dell'amato, avvenuta in seguito a decapitazione. La presenza del Battista, anche defunto, è tangibile. Una presenza ossessiva, che entra direttamente nella carne della protagonista, trascinata dalla lussuria e dal desiderio che la tormentano al punto da farla sentire direttamente posseduta dallo spirito del profeta.

In Erodìas, lo spettatore ha l'occasione di assistere al dramma della perdita, al lutto per l'amato che allo stesso tempo è perdita di senso della realtà, vuoto della ragione. Erodìas, infatti, incarna «un tempo in cui la ragione non è ancora arrivata, una zona d'ombra non illuminata dalla luce dello spirito, un eterno purgatorio in cui la conoscenza/coscienza non trova spazio».

Traspare tutta l'intensità della rappresentazione dalle parole del regista Renzo Martinelli, che dice a proposito di Erodìas: «penso a una donna, penso a un'attrice dalla grande passione fisica che dev'essere combattuta fino allo stremo» aggiungendo poi: «penso alla testa mozzata del Battista e pensando a quella testa lo immagino divorato, fatto a brani dalla regina così come le Menadi con Penteo»

Uno spettacolo, quello in scena al Teatro I, nel quale gli estimatori di Giovanni Testori troveranno tutta la carnalità e il linguaggio unico ed espressionista che il grande drammaturgo milanese sapeva mettere nelle sue opere.

Federica Fracassi parla così del suo rapporto col testo: «Un incontro atteso per un tempo lunghissimo, imbandendo la tavola, così come si fa quando si prepara lo spazio per l'arrivo di un ospite importante: studio del dettaglio, purificazione, cura. Del cuore, apertura»

Teatro I
Via Gaudenzio Ferrari 11, Milano

dal 16 novembre al 5 dicembre
lunedì- giovedì- venerdì ore 21.00

mercoledì- sabato 19.30 

domenica ore 17.00

Prezzi: intero 18 euro/ convenzionati 12 euro/ under 26 11,50 euro/ over 60 9 euro

Info e prenotazioni ai numeri 02/8323156 oppure 366/3700770

Mail: biglietteria@teatroi.org

 

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964