La Depressione: malattia dell'Anima

depressioneL'inverno è alle porte, con le sue giornate azzoppate, le sue ombre permanenti, il suo gelo incorporato.

In questa stagione esplode  la depressione.  Una volta  era chiamata malinconia, corrode l'anima e moltiplica le tensioni della vita. La società  moderna l'ha amplificata e non sempre chi ne soffre la riconosce. Persone  celebri han convissuto con essa per anni e anni: Montanelli e  Gassman,  ad  esempio, per citare due celebri  personalità.

Appare e scompare, la depressione. Ti assale quando sei più indifeso e scarica nel cuore una tristezza infinita. I farmaci la addolciscono, le sedute cliniche la attenuano, ma non scompare dal  curriculum del paziente,  compressore che stritola ogni pace.  Determinati avvenimenti la scatenano, provocatori d'insospettabile efficacia. Può mimetizzarsi per lunghi periodi, come una tigre dormiente nella foresta, poi  dispiega la sua ferocia, fuori dalla ragione schematizzata.

Alcune volte confondiamo la depressione con la nostalgia, quel desiderio di  ripercorrere itinerari appaganti.  Essa d'induce, financo, a volte, ad un pianto liberatore, mentre uno smog di complessi intossica il tuo "io".

Di depressione raramente si muore, tuttavia ti scarnifica dentro, pronuba spesso della disperazione. Depressi si nasce. E la sensibilità  acuisce  i  suoi  pungiglioni.  Depressi si vive, lontani  dalla serenità  e dal sorriso dell'anima.

Gaetano  Tirloni

Leggi anche:

Festa della mamma: uno sguardo alla depressione in gravidanza

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.