Lapo Elkann, sequestro simulato. E ora?

curtis

Dopo l’arresto conseguente al sequestro simulato, Lapo Elkann ha ricevuto un desk appearance ticket, l’ordine di comparizione davanti alla Corte di New York.

L’udienza è prevista per mercoledì 25 gennaio 2017. L’accusa che è stata mossa al nipote dell’Avvocato Agnelli è quella di aver denunciato alla polizia un reato inesistente; una sorta di procurato allarme. Purtroppo per Lapo, però, si tratta di un fatto grave nel sistema americano: il reato che gli è stato contestato rientra nella categoria dei “felony” per i quali è prevista una pena da 2 a 10 anni di reclusione.

Non è invece chiara ancora la posizione giudiziaria di Curtis “Marie” McKinstry (nella foto) il cui nome è stato diffuso dalla polizia ed è quindi è pubblicabile: la transessuale di 29 anni che si trovava in compagnia di Lapo durante il week end di bagordi e che con lui è stata sorpresa dalla polizia newyorkese al momento della finta consegna del riscatto nella malfamata zona di Kip Bay, sulla 28 strada.

Per il momento finisce qui il tumultuoso fine settimana organizzato dal trentanovenne nipote di Gianni Agnelli, lasciando però una serie di interrogativi dopo l’esplosione mediatica del caso.

E’ stato effettivamente Lapo a telefonare alla famiglia Elkann raccontando di essere “trattenuto contro la propria volontà da una donna?”. Le fonti ufficiali non hanno mai confermato questa versione, come neppure mai è stato confermato che Lapo sia stato arrestato quando era in compagnia della escort “Marie” al momento della finta consegna del danaro del riscatto da parte della polizia americana; nessuna fonte ufficiale, infine, ha mai commentato in ordine all’ipotetico “blocco della carta di credito” che avrebbe indotto Lapo ad inventarsi l’escamotage del finto sequestro.

Insomma, ad uno scoop certamente “goloso” per i tabloid mondiali, si aggiunge un alone di mistero che probabilmente resterà tale, poiché possiamo già ora escludere che i protagonisti di questa torbida vicenda raccontino tutto quanto realmente accaduto.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.