I benefici del pesce azzurro

pesce azzurro beneficiPesce azzurro: perché consumarlo

Questo pesce, a differenza dei pesci che appartengono ad altre categorie, possiede una carne molto digeribile ed è ricchissimo di elementi nutritivi; in particolare contiene grassi insaturi omega 3. Gli omega 3 servono a mantenere basso il colesterolo cattivo; favorendo così la salute del cuore e dell'apparato circolatorio.

Combattono l'invecchiamento e prevengono certe tipologie di tumori. Sconfiggono la malattia di Crohn (una patologia infiammatoria cronica dell'intestino), migliorano ed in taluni casi guariscono, gli stati di diabete e di colite ulcerosa. Ma sono anche una grande fonte di calcio, fosforo, selenio, zinco, iodio, vitamine del gruppo A, B, D ed E. Le linee guida per una corretta alimentazione, raccomandano di mangiarlo almeno 2 volte alla settimana.

Cosa si intende per pesce azzurro

Quando si parla di pesce azzurro si fa riferimento alle seguenti varietà:

  • Aguglia (si trova soprattutto nel mar Mediterraneo e Atlantico orientale. Le sue carni sono buone soprattutto se vengono fritte);
  • Alaccia (si trova nel mar Mediterraneo, nel mar Nero e nell'Oceano Atlantico. Viene consumata alla griglia, fritta, oppure sottolio);
  • Alice o Acciuga (si trova in particolare nell'Oceano Atlantico orientale ma anche nel mar Mediterraneo e Nero. Insieme alla Sardina e allo Sgombro è sicuramente quella più pescata e diffusa nei mari italiani. Si consuma sottolio, marinata, fritta, ripiena, come antipasto, nella realizzazione di primi e all'interno di polpette ma anche nella bagna cauda);
  • Aringa (si trova lungo le coste dell'atlantico settentrionale. È un pesce che forma grandi banchi. Viene venduta generalmente sotto sale e affumicata);
  • Bianchetti (ovvero il novellame del pesce azzurro pescato nel mar Mediterraneo. Possono essere scottati in acqua salata e serviti con olio e limone, preparati sotto forma di frittelle con uovo e farina, oppure cucinati come polpette);
  • Costardella (si trova nelle zone calde di tutti gli oceani ma anche nel mar Mediterraneo e nelle coste Atlantiche. Si consuma fritta o ripiena cotta al forno);
  • Cicerello (si trova nel mar Mediterraneo occidentale e nel mar Nero. Si mangia fritto oppure in umido);
  • Papalina (si trova nell'oceano Atlantico, nel mar Egeo ed Adriatico settentrionale. Si consuma alla griglia);
  • Lanzardo (si trova nelle acqua tropicali dell'oceano Atlantico. Si consuma all'interno di antipasti, primi o come secondo cotto alla piastra);
  • Pesce sciabola (si trova nel mar Mediterraneo. Si consuma fritto, sotto forma di involtini, oppure cotto al forno);
  • Sardina (si trova nell'oceano Atlantico orientale, nel mar Adriatico e Mediterraneo. Si consuma alla griglia, al forno, al vapore, sottolio, impanata, ripiena, e in umido);
  • Sgombro (si trova nel mar Mediterraneo e Nero. Si consuma, al cartoccio, al forno, lesso, in padella, sottolio);
  • Sugarello (si trova nell'oceano Atlantico e nel mar Mediterraneo. Si consuma fritto, affumicato, in padella e alla griglia).

Spesso vengono annoverati all'interno del pesce azzurro, anche il tonno e il pesce spada perché lo ricordano nei colori e il salmone per via del contenuto di acidi grassi essenziali, ma nessuno di questi 3 appartiene realmente a questa specie.Il pesce azzurro è caratterizzato da squame blu sul dorso e argentee sulla pancia. Si parla generalmente di pesci di piccole dimensioni e li si può acquistare a prezzi economici perché li si trovano in abbondanza in mare aperto. Quando ci si reca da qualunque pescivendolo o in qualsiasi supermercato si può dunque star certi che non si sta comprando pesce d'allevamento perché il pesce azzurro viene sempre pescato.

Micol Rozza

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.