• Home
  • MOSTRE
  • Woman Power. Le Gallerie degli Uffizi dedicano una mostra a Maria Lassnig

Woman Power. Le Gallerie degli Uffizi dedicano una mostra a Maria Lassnig

Opere costituite da autoritratti, anche quando hanno titoli diversi. La fisionomia svolge un ruolo marginale. Opere in cui il mondo esterno funge da involucro per il mondo delle sensazioni interiori.

woman power pittura gallerie degli uffizi firenze mostra maria lassnig tiziana leopizziSi tratta di Maria Lassnig (1914 - 2014), considerata, insieme a Louis Bourgeois e Joan Mitchell, una delle più importanti artiste della seconda metà del XX secolo. Le Gallerie degli Uffizi, in collaborazione con l'Albertina di Vienna,  le dedicano una mostra fino al 25 giugno 2017 intitolata Woman Power.

Il percorso espositivo presenta venticinque opere, che coprono l’arco temporale della sua produzione dagli anni ’60 del secolo scorso al primo decennio del nuovo millennio. La mostra evidenzia quanto il tema ricorrente nelle sue opere sia stato se stessa, la sua persona intesa in senso strettamente fisico, il suo corpo,  offrendo uno spaccato significativo dell'evoluzione formale di Maria Lassnig.

Non vi era un rapporto narcisistico il suo corpo. Questo diventa e viene indagato come luogo da esperire e conoscere per dar vita a rappresentazioni delle sensazioni corporee. Nel corpus di opere esposte è rintracciabile un rapporto tra esteriorità e interiorità.

Tra la variabilità dei mezzi formali, l’ossessione e il confronto con se stessa, si rintraccia come costante nella sua arte che Maria Lassnig ha mostrato apertamente i suoi sentimenti, i suoi dolori, la sua sensibilità.

La chiave che caratterizza la sua opera è il concetto di Körpergefühl o "consapevolezza corporea". Gli autoritratti rendono questa forma di autoanalisi dell'artista, un’analisi sulla vera natura della sua condizione in cui la sua auto-rappresentazione è "solitudine della critica, incapacità di sfruttare gli altri, meditazione e applicazione di un bisturi chirurgico su un soggetto volontario, l'Io", come dichiarò lei stessa.

Tra le opere in mostra il dipinto Woman Power, il cui titolo emblematico è stato ripreso anche per la mostra. Un Manifesto dell'impegno di Maria Lassnig per l'emancipazione femminile, nell’ambiente artistico dominato dagli uomini.

Negli ultimi anni all’artista è stato sempre più riconosciuto un ruolo di pioniera del movimento femminista nelle arti visive: riconoscimento che è stato consacrato nel 2013, con l'assegnazione del Leone d'oro alla carriera dalla Biennale di Venezia.

Tiziana Leopizzi

Maria Lassnig. Woman Power

Dal 25 marzo al 25 giugno 2017

Andito degli Angiolini, Palazzo Pitti, Gallerie degli Uffizi – Firenze

Orario
Martedì – Domenica ore  8.15 – 18.50; la biglietteria chiude alle 18.05
Chiuso il lunedì

Biglietto intero € 13.00; ridotto € 6.50

Leggi anche:

Elena Monzo. Moon Zoo - Gilda Contemporary Art

Lost + Found. La grande mostra di David Lachapelle alla Casa dei Tre Oci

Untitled Views. Opere di Goldschmied & Chiari

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.