• Home
  • MOSTRE
  • Milano Scritture e figure. Tullio Pericoli: 1965-2017

Milano Scritture e figure. Tullio Pericoli: 1965-2017

tullio pericoli 1Dal 27 aprile al 20 maggio la Galleria Consadori a Milano presenta la mostra Scritture e figure. Tullio Pericoli: 1965-2017.

Tullio Pericoli è nato a Colli del Tronto (Ascoli Piceno) nel 1936 e dal 1961 vive a Milano dove si è affermato come pittore e disegnatore. 

A partire dagli anni Settante comincia a collaborare con la rivista Linus, con il Corriere della Sera e con il settimanale L'Espresso ed espone le sue opere a Milano, Parma, Urbino e presso l'Olivetti di Ivrea.

Nel 1987 Livio Garzanti gli chiede di realizzare, in un salone della sua casa editrice, una pittura murale e nel 1988 pubblica presso la casa editrice Prestel di Monaco il volume Woody, Freud e gli altri, che uscirà anche in edizione francese, spagnola e americana.

Pericoli nel 1995 si avvicina al teatro disegnando scene e costumi per l'opera L'elisir d'amore di Donizetti che va in scena a Zurigo e nel 1998, cura un nuovo allestimento della stessa opera per la Scala di Milano. 

Nel 2010 ritratto e paesaggio si uniscono nella mostra Lineamenti, volto e paesaggio al Museo dell’Ara Pacis di Roma e nello stesso anno Pericoli espone i lavori più recenti nella mostra L’infinito paesaggio, organizzata dal FAI a Villa Necchi a Milano.

Le Cartiere Vannucci di Milano nel 2012 ospitano Moby Dick, una mostra che espone le opere dal 2008 al 2012 e nello stesso anno i paesaggi dipinti da Pericoli si combinano a quelli fotografati da Giacomelli nella mostra Graffiature.  I paesaggi di Tullio Pericoli e Mario Giacomelli, alla Rocca Roveresca di Senigallia.

Nello stesso anno la Galleria Franca Mancini di Pesaro ospita Quelques riens pour Rossini, mostra curata dell’Associazione Culturale Il Teatro degli Artisti, in occasione del tradizionale Rossini Opera Festival, con una serie di ritratti del compositore e i bozzetti più significativi della messa in scena del 2002 de Il Turco in Italia per l’Opernhaus di Zurigo.

Nel 2012 Pericolo pubblica Attraverso l’albero. Piccola storia dell’arte (Adelphi) e 80 ritratti per 10 scrittori (Mondadori) e nel 2013 esce per Adelphi il volume antologico I paesaggi.

Nel 2014 si tengono le seguenti esposizioni: una mostra di paesaggi dal titolo Areonatura, presso il MAG di Riva del Garda; Ritratti, allo Spazio Don Chisciotte di Torino; I paesaggi, al MART di Rovereto; Volti di volti, presso la Galleria Paggeriarte di Sassuolo, Una storia di segni. Le incisioni di Tullio Pericoli, presso il Museo della Grafica di Pisa.

La mostra presso la Galleria Consadori vede un folto gruppo di opere, dal 1965 a oggi, sul tema della scrittura, degli alfabeti e delle immagini che possono derivarne, per la ricerca di un artista che da quasi cinquant’anni sa affascinare e stupire con immutata freschezza.

Scritture e figure. Tullio Pericoli: 1965-2017

27 aprile – 20 maggio
Orari:
martedì – sabato, 10-13; 15-19

Leggi anche:

Time. A Neofuturistic life. La mostra di Luca Bestetti a Milano

World Press Photo 2017: a Milano un anno in fotografia

Le mostre della Milano Food Week dal 4 all’11 maggio 2017

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.