Camogli Sagra del Pesce 2017

camogli sagra pesce 1Torna l'imperdibile appuntamento con la Sagra del Pesce di Camogli, domenica 14 maggio e come sempre sono attesi tanti visitatori da tutta la Liguria, da molte regioni italiane e anche dall'estero.

La sagra

La Sagra del Pesce si tiene la seconda domenica di maggio e i festeggiamenti s’incentrano in Piazza Colombo, la piazza del porticciolo.

L’idea della manifestazione fu dell'avvocato Filippo Degregori, la prima edizione si tenne nel 1952, quando furono costruite sulla piazza cucine in mattoni e per tutto il giorno si continuò a friggere in sei piccole padelle.

L'introduzione del padellone avvenne nel 1954, pesava 11 quintali, aveva un diametro di 4 metri e un manico di 6, poi nel 1960 arrivò una nuova padella più grande di 5 metri. di diametro.

Negli anni Settanta entrò in funzione un'altra padella, e nel 1986 se ne aggiunse una quarta di 4 metri di diametro, poi nel 2001, per la cinquantesima Sagra, arrivò una nuova padella, in acciaio inossidabile, che pesava ben 28 quintali, un diametro di 4 metri. un manico di 6. e durante tutta la giornata frigge 30.000 piatti di pesce, utilizzando 3 tonnellate di pesce fresco e 3.000 litri di olio.

La sera antecedente la Sagra viene tenuta una celebrazione religiosa in onore di San Fortunato, Patrono dei Pescatori, dove  8 volontari portano a braccia la cassa con la statua del santo, del peso di 4 quintali.

Alla processione segue uno spettacolo pirotecnico con la successiva illuminazione del campanile per opera della Tecnoart Camogli e alle ventitré è appiccato il fuoco ai falò.          
I falò sono costruiti dai due quartieri di Camogli, il Porto e il Pinetto, con vecchi mobili, barche rotte, persiane inservibili e tutto ciò di cui i Camogliesi non hanno più bisogno.

Camogli

Ma Camogli è anche una bellissima piccola città, ricca di storia e di bellezza.

La prima testimonianza scritta dell'esistenza di Camogli risale a un testo medioevale la cui datazione oscilla tra il 1018 e il 1045, dove è chiamata Vila Camuli, con i Camogliesi, a fianco dei Genovesi nella conquista della Siria, al seguito degli Embriaci.

All’inizio del XIII secolo, grazie agli intensi traffici marittimi, Camogli divenne importante come Levanto, Rapallo, Moneglia e nel XIV secolo, accanto alle attività marittime e commerciali nacquero attività artigianali, tra cui la filatura, la tessitura e la tintura dei tessuti. 

Con l'avvento di Napoleone cominciarono a entrare nel Mediterraneo le grosse navi Inglesi e Francesi e da loro i Camogliesi appresero come navigare per tutto l'anno, così iniziarono a costruire navi più grandi e a uscire dal Mediterraneo per i loro commerci.

All'inizio del 1800, la grande spedizione di Napoleone in Egitto, utilizzò navi e uomini di Camogli e nel 1810 la flotta crebbe di tonnellaggio.

Nel 1853 Camogli ricevette il soprannome di Città dei Mille Bianchi Velieri, infatti, oltre a possedere quasi quaranta navi più di Genova, aveva in mare ben 700 grandi velieri.

Il 3 giugno 1877, grazie ad un decreto emanato da Re Vittorio Emanuele II, Camogli divenne città, e ottenne quindi il diritto di utilizzare lo stemma araldico.

 

Sagra del Pesce 2017
Dove: Camogli, Piazza Colombo
Quando: Domenica 14 maggio
Partecipazione libera

 

Leggi anche:

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.