• Home
  • MOSTRE
  • Grande Festa alla Galleria Gruppo Credito Valtellinese di Milano

Grande Festa alla Galleria Gruppo Credito Valtellinese di Milano

"Nato soprattutto a Milano", la personale del fotografo milanese Elia Festa alla Galleria Gruppo Credito Valtellinese - Le Stelline fino al primo luglio 2017. La rassegna, curata da Fortunato D'Amico con il progetto espositivo di Matteo Fantoni, si presenta come una grande retrospettiva su Elia Festa, dagli esordi ad oggi.

mostra elia festa nato soprattutto a milano galleria gruppo credito valtellineseFotografia visiva

E' una personale che rapisce lo sguardo, quella del Gruppo Credito Valtellinese. Lo rapisce, lo seduce e lo trasporta in un universo d'immagini dal gusto eterno, accentuato dal bianco e nero. In questo luogo spiccano i dettagli di oggetti comuni, architetture e fenomeni, sapientemente rimodellati dalla maestria di Elia Festa, che fa dell'obiettivo il suo strumento e del mondo la sua musa. Il gioco di luci e ombre che si scorge attraverso le sue fotografie regala sensazioni inaspettate, cogliendo lo spettatore di sorpresa. Quella di Festa è una visione della realtà partecipe e consapevole, in cui le sfaccettature più intime e profonde dell'animo sono immortalate per sempre all'interno di uno scatto. Il sentimento rispecchiato nelle sue opere si manifesta poco per volta, osservando attentamente, lasciandosi cullare da una diapositiva che acquista contorni definiti man mano che la si osserva: è questo il passaggio dal reale all'universo dell'artista e lo si fa con calma, intimamente.

L'essenzialità dei soggetti ritratti si ripercuote in chi osserva, al punto da generare una intensa curiosità nei riguardi di un mondo poco prima inesistente. Festa si svela attraverso i suoi lavori d'arte visiva, in cui i temi della sua ricerca diventano spesso ritratti dopo essere stati pensieri. Il contrasto tra bianco e nero ha la forza di un bisturi nel delineare tagli e inquadrature sapientemente studiati, così come in altri casi un lampo di colore fa scaturire emozioni inattese. In tutto questo, che si presenti o meno il colore, la grande protagonista della cifra stilistica di Elia Festa è la luce. Solo la luce, manifestandosi, delinea contorni e dimensioni, soggetti e paesaggi, pensieri e concezioni del mondo. Giovanni Gastel, amico ed estimatore di Festa, scrive che “è capacità degli artisti vedere oltre la realtà delle cose, cogliere le alternative di significato, scoprire una percezione nuova e trasmetterla con un contenuto alto di poesia. Elia Festa è un artista e un poeta: con il suo occhio fotografico ci invita a osservare le cose e a leggere la realtà con una nuova profondità”.

Il Fotografo di Milano

Elia Festa nasce a Milano il 1° gennaio 1956. Durante gli anni Settanta fa amicizia con il pittore Ibrahim Kodra e frequenta il suo studio. Proprio a quel periodo risalgono i suoi esordi nell'ambito della fotografia. Negli anni 71-'74 è free-lance per l'agenzia Young & Rubicam e collabora con Franco Scheichenbauer, Richard Noble e altri fotografi. Nell'89 inizia la ricerca fotografica "L'età del Pensiero" con l'amico Pierre Restany, progetto che lo avvia alla prima mostra personale "Riflessioni" prodotta da Kodak nel '93 alla galleria D'Ars di Milano. Nel '93 inizia la collaborazione con la galleria Photology Milano e Londra. E' un decennio molto prolifico per Elia Festa: "la Habana" 1995, partecipazione alle mostre internazionali "Aipad Photographers" di New York negli anni '96,'97,'98,'99 e "artbasel‘96" di Basilea. Nel 2000 pubblica un lavoro decennale di ritratto e atmosfera, nella rassegna sui grandi autori della fotografia internazionale "100 al 2000" edito da Photology. Nello stesso anno inaugura una mostra personale "Bla Bla & Co" con lo scultore K. H. Steck alla "Studiogalerie" di Amburgo. Nel 2006, in collaborazione con il regista Salvino Raco, realizza la performance intitolata "La corsa di Sizwe Kondhile". Ispirato da questo lavoro realizza il progetto "It's about blood", dolore e anima del grande sacrificio umano della storia Africana. Nel 2009 elabora ed espone in anteprima a Milano "I miei numeri", base da cui partire con un vero e proprio cambiamento artistico. A Gennaio 2010 espone alla galleria "Studio Visconti" di Milano il lavoro "Microbi" e alla galleria "Photology" di Milano "Ho vissuto qui", video realizzato nel 2010 e vintage 1993-2002. Nel 2011 presenta alla Torre Cesar Pelli di Milano il progetto di Industrial Art “Photosophy. E’ presente alla mostra internazionale "Hong Kong Link – Art – Fair 2013" con il lavoro “2° Generation” . Nel gennaio 2015 presenta “Last Supper” a Estearte International Contemporary Art Fair e a Photology. Nel 2016 porta “Giants and Microbi” a Mondogalleria di Madrid.

 

Elia Festa. Nato soprattutto a Milano

Fino al primo luglio 2017

Galleria Gruppo Credito Valtellinese - Le Stelline

Corso Magenta, 59 - Milano

Aperto da martedì a venerdì, dalle 13.30 alle 19.30, e sabato, dalle 10 alle 18.30.

Ingresso libero

Leggi anche:

Milano in Egitto. Gli scavi di Achille Vogliano nel Fayum

Andy Warhol in dialogo con le installazioni di Simone D’Auria

Un volume raro rilegato in Pelle Umana in mostra alla Pinacoteca Ambrosiana, Milano

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.