Desio Aspettando San Lorenzo 2017

desio villa tittoni san lorenzo 1Nel Parco Tittoni di Desio mercoledì 9 agosto si terrà l'evento Aspettando San Lorenzo con una serata dedicata all'osservazione delle stelle, sdraiati su di un prato al chiaro di luna, immersi in una location splendida tra natura e musica.

L'ingresso sarà gratuito e sarà possibile portare con sé teli e coperte per sdraiarsi sul prato, dove sarà presente anche un djset.

L'apertura dei cancelli darà per le 19.30 mentre l'evento inizierà alle 21.30.

Realizzata da Giuseppe Piermarini, Villa Tittoni è l’ultimo esempio di abitazione monumentale nel cuore della Brianza.  

L’edificio oggi è un buon esempio di casa dell’alta borghesia, con spazi solenni, ma non troppo ampi, destinati al pubblico, contrapposti ad ambienti privi di particolari pregi per la vita privata. Inoltre manca uno stile unitario per la decorazione degli spazi interni, poiché nelle sale del pianterreno ci sono vari stili, che vanno dal moresco, neoclassico, neorinascimentale, neogotico.

Su disegno dell’architetto Palagi all’inizio dell’Ottocento la villa fu ampliata, con una facciata che divenne una quinta teatrale molto scenografica, e la corte d’onore fu posta di fronte alla stessa villa, sostituendo la vecchia corte piermariniana.

Inoltre vennero innalzati i corpi di fabbrica che circondano la piazza posta oltre la ricca cancellata in ghisa, ornata da statue di marmo Carrara raffiguranti le diverse attività dell’uomo.

Palagi progettò anche la decorazione interna e modellò la composizione del trionfo di Cibele, posta sul timpano sormontante la facciata verso il giardino.

Il tetto dell’edificio venne poi arricchito con una serie di statue, raffiguranti le divinità dell’Olimpo, che furono uno degli elementi di maggiore efficacia visiva dell’intero fabbricato.

Da allora il complesso divenne una meta obbligata per i viaggiatori romantici in cerca di emozioni oltre Milano, tanto che in tutte le guide della Lombardia, la villa viene sempre ricordata come un ottimo esempio di connubio tra opere architettoniche e paesaggio naturale.

Ci furono ospiti illustri come il re di Napoli, l’imperatore Francesco I, Stendhal, e il compositore Vincenzo Bellini.

Nel periodo in cui Tommaso Tittoni fu Ministro degli Esteri italiano, la Villa fu teatro d’importanti incontri internazionali ospitando il barone d’Aehrenthal, Ministro degli Esteri dell’Impero d’Austria, Iswolsky, Ministro degli Esteri russo, una delegazione abissina inviata dall’imperatore Menelik e il Re Vittorio Emanuele III.

Nel 1977 la villa venne acquistata dal Comune di Desio che, nel corso del tempo, ha iniziato alcuni interventi di restauro, dopo che nel secondo dopoguerra l’edificio era stato lasciato a se stesso.

La biblioteca oggi è ospitata negli ambienti un tempo destinati alle serre, mentre tutte le strutture architettoniche che arricchivano il giardino, tranne la torre neogotica del Palagi, sono state smantellate, con l’eccezione della tomba del Traversi e dell’Antona disegnata da Luca Beltrami, e l’arco trionfale d’accesso realizzato su disegno dell’architetto Palagi.

Leggi anche:

Notte di San Lorenzo Milano 2017: dove vedere le stelle cadenti

Notte di San Lorenzo 2017 alla Galleria Vittorio Emanuele di Milano  

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.