• Home
  • TEATRO
  • La stagione del Teatro Filodrammatici

La stagione del Teatro Filodrammatici

tamburi nella notte 2 piccola

Scatta con Tamburi nella notte (dal 5 al 15 ottobre) di Bertolt Brecht per la regia di Francesco Frongia, la stagione 2017/2018 del Teatro Filodrammatici.

I milanesi conosceranno senz'altro benissimo questo teatro, un piccolo gioellino a due passi dalla Scala, che ospita anche la storica Accademia dei Filodrammatici, prestigiosa scuola di teatro della nostra bella città. Assistere a uno spettacolo al Filodrammatici è sempre un'esperienza affascinante, non solo per l'ottima qualità degli spettacoli prodotti, ma anche per la particolare atmosfera un po' ottocentesca che vi si respira.

I direttori Tommaso Amadio e Bruno Fornasari hanno scelto di intitolare la stagione “Il teatro è fatto di...fanatismi” con l'intento di raccontare da vicino questa nostra folle epoca, attraversata dall'emersione di una nuova irrazionalità, foriera di incomprensioni e segnata dall'incapacità a dialogare e dal ritorno di paure ataviche che il 900' detto anche secolo breve, dalla fortunata definizione di Eric Hobsbawn, aveva sognato di debellare.

Ecco allora spiegata la scelta di proporre il primo Brecht  di Tamburi nella notte e Utoya (dal 9 al 14 gennaio 2018) di Edoardo Erba con la regia di Serena Sinigaglia (produzione ATIR) sulla terribile strage compiuta dal fanatico norvegese Anders Breivik.

Le proposte degne d'interesse fioccano nel cartellone proposto da I Filodrammatici. Segnaliamo tra queste Acqua di Colonia (dal 20 al 25 febbraio 2018), con testo e regia di Elvira Frosini sulla storia del colonialismo italiano e Martiri di Marius Von Mayersburg (dal 22 maggio al 3 giugno 2018) con la regia di Bruno Fornasari, che porta in scena la crisi valoriale delle nuove generazioni.

Menzione importante merita anche il lavoro di Renato Sarti Filax Anghelos (dal 10 al 15 aprile 2018) che racconta la storia di uno sdoppiamento di personalità in cui vengono condensati i mutamenti più laceranti avvenuti nel nostro paese dal dopoguerra a oggi. Ci sarà, inoltre, spazio anche per i classici della letteratura, con Ferdinando Bruni che leggerà Dickens in Il racconto di Natale (dal 12 al 23 dicembre).

Non mancano poi i ritorni di spettacoli di successo come Parassiti Fotonici (dal 7 al 19 novembre) di Philip Ridley sempre con la regia di Bruno Fornasari commedia molto divertente e provocatoria su una coppia in attesa di un figlio che cerca di realizzare la casa dei propri sogni e N.E.R.D.S - sintomi? di nuovo in scena a capodanno. Da non dimenticare poi il lavoro di Paolo Nani La Lettera (dal 4 al 10 dicembre) liberamente ispirato ad Esercizi di Stile di Raymond Quenau.

Il piatto, insomma, è molto ricco. Starà a voi, cari lettori, gustarlo!

 

 

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964