• Home
  • MOSTRE
  • Kuniyoshi, visioni d’altri mondi alla Permanente di Milano

Kuniyoshi, visioni d’altri mondi alla Permanente di Milano

Al Museo della Permanente di Milano è in corso la mostra che, per la prima volta in Italia vede come protagonista il maestro giapponese Utagawa Kuniyoshi capace di tingere di una sfumatura unica e assolutamente personale l’ormai diffusa tradizione delle immagini del Mondo Fluttuante - l’ukiyoe - genere di stampa artistica policroma che già con Hokusai, Hiroshige e Utamaro -in mostra a Palazzo Reale lo scorso anno- aveva raggiunto una notevole fortuna.

1503152439La mostra, prodotta da MondoMostreSkira e curata da Rossella Menegazzo, presenta una selezione di 165 silografie policrome tutte di Kuniyoshi, che ne evidenziano la  straordinaria capacità inventiva ed originalità tematica rispetto agli altri tre maestri del Mondo Fluttuante: esse sono organizzate secondo un percorso -diviso in 5 sezioni tematiche “Beltà” ;“Paesaggi”; “Eroi e Guerrieri”; “Animali e Parodie”; “Gatti”;- che, per mantenere vivo l’interesse e lo stupore dello spettatore si delinea come un labirinto di ambienti delimitati da pareti frammentate e scomposte per concentrare l’attenzione sulle opere rendendole protagoniste assolute dello spazio.

Dalle opere in mostra si riesce a cogliere l’inesauribile vena creativa e l’originalità dell’artista, restituendoci frammenti di un mondo visionario popolato da un’incredibile varietà di soggetti e atmosfere che assumono, di volta in volta, sfumature sempre diverse: dal fascino misterioso di paesaggi visionari e donne bellissime, allo stupore per il vigore e la forza di guerrieri che combattono contro esseri mostruosi, fino a tingersi di colorazioni ironiche e giocose con parodie, caricature e giochi illusionistici che combinano creatività con abilità tecnica e grafica assumendo, a volte, tratti che ricordano le figure composite di Arcimboldo, la cui mostra è attiva in questo momento in Giappone. 

Una grande varietà di temi e soggetti che Kuniyoshi riesce a trattare integrando la raffinatezza decorativa del suo stile -fatto di linee sinuose e colori vivaci- con tecniche di derivazione occidentale attente alla copia dal vero e alla precisione scientifica nella resa dei particolari: in questo modo i protagonisti immaginari delle sue stampe vengono immersi in un’atmosfera che oscilla tra realtà e invenzione, fantasia e riproduzione dal vero. 

Tutto sembra surreale, come avvolto da una nube di mistero: attimi di realtà colti un mondo fluttuante, che sembrano essersi manifestati davvero davanti agli occhi dell dell’ artista per poi scomparire alcuni istanti dopo, come bolle di sapone. 

Seguendo la scia del successo della mostra di Hokusai, Hiroshige e Utamaro, l’esposizione si presenta, insieme ad altri due appuntamenti -rispettivamente agli Uffizi di Firenze e all’Ara Pacis di Roma- come un’ulteriore dimostrazione del fermento italiano intorno al Giappone e alla sua arte, un mondo che ci affascina e sorprende non solo per la sua diversità, ma soprattutto per le somiglianze con quella Italiana: due culture che, pur così lontane,  trovano un punto d’incontro nel senso dell’arte che, come un filo invisibile, le unisce. 

Kuniyoshi, il visionario del mondo fluttuante

Date: dal 4 ottobre 2017 al 28 gennaio 2018

Museo della Permanente

via Filippo Turati 34 - Milano

Orari: tutti i giorni dalle ore 9.30 alle 19.30 

Aperture straordinarie: 1-2 novembre; 8 dicembre; 25-26 dicembre; 1 e 6 gennaio ore 9.30 - 19.30

Biglietti:  

Intero  € 13

Ridotto € 11 visitatori dai 6 ai 26 anni, portatori di handicap, gruppi (minimo 15 massimo 25), insegnanti, militari, forze dell’ordine non in servizio, possessori di Skira card;

Ridotto speciale € 6 scuole - dal martedì alla domenica

Gratuito minori di 6 anni, guide turistiche abilitate con tesserino idi riconoscimento, un accompagnatore per ogni gruppo, due accompagnatori per ogni gruppo scolastico, un accompagnatore per disabile che presenti necessità, giornalisti accreditati dall’Ufficio Stampa della Mostra, dipendenti delle Soprintendenze ai Beni Paesaggistici e Architettonici di Milano, Tesserati ICOM, guide turistiche, componenti commissione vigilanza e vigili del fuoco

Leggi anche: 

Dentro Caravaggio, Milano omaggia l'arte del maestro della luce

Resonances II. La mostra al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.