• Home
  • CRONACA
  • Sacchetti ortofrutta: dal 1° gennaio saranno a pagamento

Sacchetti ortofrutta: dal 1° gennaio saranno a pagamento

sacchetti ortofruttaDal 1 gennaio 2018, oltre alle buste per asportare la spesa, anche i sacchetti per frutta e verdura dovranno essere compostabili e biodegradabili. E questo verrà applicato non ai prodotti ortofrutticoli, ma anche per imbustare carne, pesce, prodotti di panetteria e gastronomia.

A stabilirlo è una nuova norma approvata dalla Camera della legge di conversione del decreto legge Mezzogiorno che vuole rispettare lo standard internazionale UNI EN 13432.

Tutti i sacchetti biodegradabili necessiteranno di una certificazione che attesterà che contengano almeno il 40% di materia rinnovabile. Questa percentuale è destinata ad aumentare nel corso degli anni: nel 2020 salirà al 50% e nel 2021 al 60%.

Un’altra novità è che sarà richiesta un’idoneità alimentare per le buste e gli involucri che saranno a stretto contatto con il cibo.

Questo cambiamento, però, porterà sicuramente malcontento dei consumatori in quanto, dall’anno prossimo, tutti i sacchetti compostabili e biodegradabili saranno a pagamento, compresi quelli utilizzati per incartare frutta, verdura, prodotti di macelleria, pescheria e gastronomia.

Il prezzo è ancora sconosciuto, ma si pensa si aggiri tra i 2 e i 10 centesimi e verrà battuto sullo scontrino, come accade ora per le shopper che vengono distribuite alle casse dei supermercati.

La pena per chi non rispetta il nuovo provvedimento è il pagamento di multe da 2.500 fino a 100 mila euro.

L’obiettivo è quello di ridurre il consumo di plastica, a favore di materiali ecologici e decomponibili e di ridurre gli sprechi.

La preoccupazione dei consumatori, però, è che il pagamento di ogni singola busta possa provocare un colpo non indifferente sui propri portafogli. A differenza dei sacchetti monouso per la spesa, che possono essere sostituti da shopper riutilizzabili, nel caso dei prodotti di ortofrutta, carne, pesce e gastronomia non ci saranno alternative: andranno pagati e dovranno risultare sulle ricevute o fatture.

 

Leggi anche:

Visita guidata al Cimitero Monumentale

Cosa fare questo weekend a Milano? 3-5 novembre 2017

Bookcity 16-19 Novembre, #veganiecarnivori: un percorso tutto da gustare

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.