• Home
  • TEATRO
  • Alkestis 2.1 allo Spazio Tertulliano

Alkestis 2.1 allo Spazio Tertulliano

13. alkestis

Alkestis è la storia di un sacrificio. Una donna che accetta di morire per regalare l'immortalità al proprio sposo. Così il mito, giunto fino a noi dall'antichità e raccontato in maniera magistrale dalla celebre tragedia di Euripide

L'Alkestis 2.1 proposta al Teatro Spazio Tertulliano nella versione di Johannes Bramante riprende il mito e lo arricchisce contaminandolo con un'altra indimenticabile storia, quella di Pigmalione, l'artista che si innamorò della statua che aveva creato fino al punto innamorarsi perdutamente e di ottenere dalla dea Venere che la sua opera fosse trasformata in una donna in carne e ossa. Euripide e Ovidio, in Alkestis 2.1, vengono calati nella contemporaneità attraverso la narrazione di una vicenda che vede protagonisti un fotografo e una modella legati dalla perversa volontà del primo di ricercare lo scatto perfetto che renderà per sempre immortale la bellezza della ragazza.

Ciò che traspare in questo lavoro è l'ossessione che conduce al sacrificio, perché il corpo della donna sarà oggetto di una incessante e sfacciata esplorazione con lo scopo e il desiderio niente affatto nascosti di raggiungere i traguardi che nella nostra società appaiono più appetibili, successo e denaro. Per ottenere i quali si è disposti a tutto, anche alla mortificazione di sè.

E alla fine il mito, parte della tradizione occidentale, riemerge e si ripropone in tutta la sua attualità come ricerca di un assoluto che però non prende la forma di un'ideale platonico di bellezza, di una vocazione a ciò che di più alto e spirituale vi è nell'uomo, quanto piuttosto di prostrazione a un'immagine costruita ad hoc per soddisfare brama e ambizione, attraverso il compiacimento dei gusti di un pubblico (quello di una rivista di moda) poco educato alla contemplazione e assai più portato alla consumazione e allo sfruttamento di un prodotto, che in questo caso coincide con il corpo femminile.

Lo spettacolo oltre alla regia del succitato Johannes Bramante vede la partecipazione delle attrici Lucia Bianchi e Francesca Accardi oltre che dell'attore Alessandro Lussiana.

Teatro Spazio Avirex Tertulliano

Via Tertulliano, 70 Milano

Dal 26 al 29 aprile

Orari: Dal venerdì al sabato ore 21.00, domenica ore 16.30

Prezzi: Intero 16 euro /over 60 11 euro/ under 26 10 euro

Info e prenotazioni: tel. 0249472369 - 3206874363 mail: biglietteria@spazioavirextertulliano.it

 

Copyright © 2006 - 2019 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT13181390157 MILANO TORINO PAVIA RIMINI