• Home
  • MOSTRE
  • L‘eterno istante. La mostra di Giovanni Gastel

L‘eterno istante. La mostra di Giovanni Gastel

Giovanni Gastel, artista mondiale, fotografo, scrittore, poeta, proporrà sul Lago di Como con l’esposizione fotografica L‘eterno istante.

gastel eterno istante 1La mostra, ideata da Maria Cristina Brandini e Franco Brenna, curata dall’Associazione culturale Caracol e dal Comune di Como, Settore Cultura. L'esposizione, omaggio all’amore per il bello, cuore del lavoro di Gastel, si terrà dal 26 maggio al 17 giugno al Palazzo del Broletto a Como e sarà aperta tutti i giorni dalle 10 alle 18. 

Questa sarà la prima volta che Gastel, noto in tutto il mondo, proporrà le sue opere a Como, luogo cui è molto legato, avendo trascorso da ragazzo le estati a Villa Erba, residenza estiva della sua famiglia.

Nato nel 1955, Giovanni Gastel, nipote di Luchino Visconti, discendente dalla potente e storica famiglia Visconti-Erba, fin da piccolo mostrò la sua vocazione artistica. Negli anni Settanta ci fu il suo primo contatto con la fotografia e, dopo una lunga gavetta da autodidatta, si avvicinò al mondo della moda, collaborando con le riviste internazionali più prestigiose, come Vogue, Vanity Fair, Glamour, Donna, Amica, Elle, Rolling Stone.

Di Gastel sono anche molte delle campagne pubblicitarie dei più famosi brand nazionali e internazionali, Dior, Krizia, Trussardi, Tod’s, Acqua di Parma, Samsung, Hogan, Aldo Coppola. Nel 1997 la Triennale di Milano gli dedicò la prima personale curata da Germano Celant, nel 2002 ricevette l’Oscar per la fotografia, nel 2013 venne nominato Presidente dell’A.F.I.P. e ancora oggi ricopre questa prestigiosa carica.

Nel 2016, per celebrare i suoi quaranta anni di carriera, il Comune di Milano ha organizzato una mostra antologica curata da Germano Celant nel Palazzo della Ragione. Gastel è un membro permanente del Museo Polaroid di Chicago ed è un membro CdA del Museo della Fotografia della Triennale di Milano.

La mostra proporrà 38 fotografie prestigiose scattate da Giovanni Gastel nel corso di quaranta anni di professione, come i ritratti appartenenti alla serie creativa Angeli caduti, insieme ad alcune delle foto più note e amate della sua carriera, dedicata completamente alla fotografia, che lo stesso Gastel definisce come uno stato di necessità.

Per l’occasione sarà pubblicato il catalogo della mostra, con le immagini esposte, testi critici e contributi, edito da Casa Brenna Tosatto. A corollario della mostra, ci saranno due incontri aperti al pubblico, il primo lunedì 4 giugno alle 18, con Giovanni Gastel e due noti fotografi comaschi, Enzo Pifferi e I Vasconi di Cernobbio, mentre nel secondo, mercoledì 6 giugno, sempre alle 18, Giovanni Gastel presenterà il suo libro inedito di poesie Sono una pianta rampicante, oltre a parlare della sua attività di scrittore.

Leggi anche:

Palazzo Reale di Milano: tutte le mostre di maggio e giugno

Matt Mullican. The Feeling of Things

GUIDO PAJETTA

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.