Fotografia Europea. XIII edizione

Fino al 17 giugno 2018, a Reggio Emilia ha luogo la XIII edizione del festival Fotografia Europea, promosso e organizzato dalla Fondazione Palazzo Magnani insieme al Comune di Reggio Emilia e Regione Emilia-Romagna, totalmente dedicato alla forma d’arte che interpreta e comunica la complessità della società contemporanea.

fotografia-europea-XIII-edizione-festival-eventi-arte-reggio-emilia-mostre-tiziana-leopizziIn programma mostre, conferenze, spettacoli e tante attività formative nelle principali istituzioni culturali e spazi espositivi della città, animati da protagonisti della fotografia, della cultura e del sapere. Tra i luoghi inediti, difficilmente aperti al pubblico in occasioni espositive, si segnala l’imponente Banca d’Italia, il Battistero e il Palazzo del Vescovado, la liberty Villa Zironi. Vivere questa edizione della manifestazione è anche un modo per riscoprire spazi solitamente chiusi e apprezzare il valore del patrimonio storico e architettonico della città.

Fotografia Europea 2018 ruota attorno al tema “Rivoluzioni – Ribellioni, cambiamenti, utopie”.

Per tracciare un percorso ideale attraverso il programma di Fotografia Europea 2018, partiamo da Palazzo Magnani e più precisamente dalla mostra Sex & Revolution! Immaginario, utopia, liberazione (1960-1977). Un progetto che indaga la genesi delle trasformazioni nel modo di concepire e vivere la sessualità tra gli anni ’60 e ’70, attraverso oltre 300 reperti d’epoca. La mostra suddivisa in cinque sezioni, presenta un percorso fatto di sequenze cinematografiche, fotografie d’autore, installazioni multimediali, ambientazioni con oggetti di design, fumetti, rotocalchi, libri, locandine di film, musica e molto altro.

Palazzo da Mosto presenta invece tre progetti espositivi. Transitions, 1962-1981, espone oltre 120 opere che ripercorrono i principali passaggi del lavoro e della vita di Joel Meyerowitz. La mostra approfondisce il suo ruolo rivoluzionario in campo fotografico: è stato di fatti tra i primi a fare del colore un elemento essenziale del suo linguaggio artistico negli anni ‘60 e ’70.

fotografia-europea-XIII-edizione-festival-eventi-arte-reggio-emilia-mostre-tiziana-leopizziRivoluzioni, Ribellioni, Cambiamenti, Utopie. 101 photobook dalla collezione della Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea di Roma, è un progetto che rilegge alcuni dei momenti cruciali della storia del Novecento attraverso una serie di volumi fotografici parte alla collezione della Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea di Roma. Potrete ammirare alcuni dei photobook più significativi in relazione ai temi della rivoluzione, della protesta e delle utopie sociali e religiose che hanno caratterizzato il secolo scorso.

In/Finito. Un progetto di danza e fotografia per spazi urbani, naturali o storici, presenta invece alcuni scatti inediti di Toni Thorimbert. Un confronto tra la dimensione della performatività del corpo con la sua rappresentazione fotografica, che fissa per sempre un singolo istante.

Ai Chiostri di San Domenico, la mostra Genesis of a Latent Vision: a Window onto Contemporary Art Photography in Iran, presenta le immagini di 9 autori, tra cui Ahmad Aali, Shadi Ghadirian, Gohar Dashti, che testimoniano l’evoluzione della fotografia iraniana, da una documentazione sociale a un approccio concettuale. L’omaggio al paese mediorientale, continua con una serie di scatti di Walter Niedermayr realizzati in Iran tra il 2005 e il 2008 che indagano un territorio dalla storia millenaria.

In Banca d’Italia trovano spazio le committenze che caratterizzano le edizioni del Festival reggiano: progetti inediti, pensati e realizzati ad hoc specificamente per il Festival, in relazione al tema “Rivoluzioni” che quest’anno ne connota i contenuti. Quest’anno sono stati coinvolti Mishka Henner e Francesco Jodice

Allo Spazio San Rocco, Clément Cogitore presenta Braguino o la comunità impossibile, un progetto artistico che unisce cinema, fotografia e video arte. La Sinagoga ospita Iconic China il lavoro più recente di Luca Campigotto: un racconto del suo lungo viaggio in Cina che inizia con la ricerca di un passato mitico e arriva al presente caotico delle megalopoli.

A Villa Zironi si rende omaggio a Lorenzo Tricoli, con The Archive you Deserve: un archivio composto da ritagli di giornale, libri, stampe fotografiche e riviste, raccolti lungo un periodo di svariati anni, cui occasionalmente venivano aggiunte anche immagini provenienti dal web. Una versione delirante e mutevole, basata su documenti reali, della recente Storia d’Italia. 

fotografia-europea-XIII-edizione-festival-eventi-arte-reggio-emilia-mostre-tiziana-leopizziElio Ciol è protagonista, nelle sedi del Battistero e del Palazzo del Vescovado, con la mostra Nel soffio della storia. L’artista presenta alcune delle sue serie più famose, tra cui quelle sulle rovine delle città archeologiche libiche e siriane come Palmira e Lapis Magna, quelle dense di poesia dei suoi paesaggi lirici ed evocativi e, infine, quella straordinaria sul conterraneo Pier Paolo Pasolini.

La storia, tutta italiana, del Fotoromanzo sarà al centro dell’approfondimento proposto allo Spazio Gerra. Oltre a fotografie e materiali provenienti da diversi archivi pubblici e privati, sono in mostra cineromanzi e materiali del Fondo Zavattini della Biblioteca Panizzi di Reggio Emilia.

Il nuovo Spazio U30CINQUE (Piazza Scapinelli) ospita tre mostre, dedicate alla fotografia emergente. Activism è la open call di Giovane Fotografia Italiana giunta alla sesta edizione che presenta le ricerche di sette artisti, selezionate tra i 136 progetti candidati. Un’indagine sui modi di usare l’immagine fotografica come forma di attivismo, creando dispositivi di visione alternativi e stimolando la nostra coscienza critica, civile, politica. Saggio sulla cecità è una riflessione a tre voci, prodotta attraverso il lavoro di Federica Landi, Emeric Lhuisset, Ana Catarina Pinho, sul fenomeno migratorio. In Energia Potenziale il duo Calori & Maillard alle ex Officine Reggiane e ai ponti di Calatrava attraverso la performance, la scultura e la fotografia, costruiscono un’ironica allegoria delle forze del potere politico ed economico che attraversano le rivoluzioni sociali, culturali e tecnologiche della storia. 

Lo Spazio di Via Secchi – 11, accoglie cinque progetti di Umberto Coa, Nicolò Panzeri, Simone Sapienza, Andrea e Magda, Danila Tkachenko. Umberto Coa con Non dite che siamo pochi, costruisce una storia di finzione, che fa riferimento a eventi reali e che si sviluppa all’interno dell’insurrezionalismo anarchico. Nicolò Panzeri riflette nel suo lavoro Feed us sul tema dell’alimentazione e su come l’uomo abbia plasmato l’industria alimentare a sua immagine e somiglianza. Charlie surfs on Lotus Flowers di Simone Sapienza è una riflessione personale, attraverso metafore e simboli, sulla società vietnamita. Il duo Andrea e Magda documenta, con Birth of Utopia, la nascita di Rawabi, il primo insediamento della Cisgiordania, appositamente costruito per i Palestinesi e costruito a 9 chilometri da Ramallah e a venti da Gerusalemme. Il progetto Motherland di Danila Tkachenko analizza lo stato di abbandono delle comunità rurali russe, iniziato con il processo di collettivizzazione del 1928-1937.

Alla Galleria Parmeggiani, Francesca Catellani propone Memories in Super8, una serie fotografica incentrata sui cambiamenti socio-antropologici, di pensiero, architettonici e di costume avvenuti in Italia e in Europa nel decennio tra 1970 e 1980, ovvero quello degli anni di piombo del terrorismo italiano e della crisi economica.

Lo straordinario patrimonio conservato dalla Biblioteca Panizzi viene aperto al pubblico per mostrare l’archivio fotografico con l’esposizione dal titolo di Stanislao Farri, L’archivio dell’utopia.

Anche per la sua XIII edizione Fotografia Europea sarà arricchita dal Circuito Off, con un programma di oltre 300 esposizioni ed eventi indipendenti e autogestiti, promossi da gallerie, associazioni, soggetti pubblici e privati, disseminati nel territorio cittadino e provinciale.

In programma anche tanti incontri, conferenza, workshop, visite guidate e spettacoli.

Potete leggere il programma completo sul sito della manifestazione.

Tiziana Leopizzi

Fotografia Europea 2018

XIII edizione

Rivoluzioni. Ribellioni, cambiamenti, utopie

Dal 20 aprile al 17 giugno 

Biglietti

Acquistabili presso le due biglietterie del Festival Fotografia Europea:

Biglietteria Banca d’Italia – Piazza Martiri del 7 Luglio, 1– Reggio Emilia

Biglietteria Palazzo Magnani – Corso Garibaldi, 29 – Reggio Emilia

Biglietto intero: € 15,00 (riduzioni in corso di definizione)

Gratuito: bambini di età inferiore ai 12 anni, accompagnatori di persone con disabilità, giornalisti accreditati e soci Icom.

Apertura gratuita venerdì 20 aprile dalle 19.00 alle 21.00

Biglietto mostra “Sex and Revolution!”: €10,00 (acquistabile solo presso la biglietteria di Palazzo Magnani)

Orari apertura mostre

Palazzo Magnani, Banca d’Italia, Palazzo da Mosto, Chiostri di San Domenico, Sinagoga, via Secchi 11, Spazio San Rocco, Biblioteca Panizzi, Villa Zironi, Galleria Parmeggiani, Vescovado, Spazio U30CINQUE, Spazio Gerra.

venerdì 20 aprile 19.00/23.00

sabato 21 aprile 10.00/23.00

domenica 22 aprile 10.00/20.00

(per gli orari di Galleria Parmeggiani, Biblioteca Panizzi consultare il sito)

FINO AL 17 GIUGNO

Venerdì sabato e domenica dalle 10.00 alle 20.00

Leggi anche

L‘eterno istante. La mostra di Giovanni Gastel

Palazzo Reale di Milano: tutte le mostre di maggio e giugno

Matt Mullican. The Feeling of Things

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.