• Home
  • CRONACA
  • L'utilizzo dei social per creare indignazione popolare

L'utilizzo dei social per creare indignazione popolare

bimbo postSui social ed in tv campeggia da giorni la fotografia di un bambino in gabbia che piange perché separato dai genitori al confine tra Stati Uniti e Messico. 

Il fenomeno del momento infatti sembra essere il modo in cui vengono trattati i bambini tra i 4 e i 10 anni: tenuti all'interno di gabbie, tra pianti e disperazione, in attesa del verdetto sui loro genitori. A prescindere dal fatto che un bambino non si dovrebbe ne ferire ne far piangere per nessuna ragione al mondo e che un bimbo va coccolato, rassicurato e protetto e bisogna raccontargli belle favole e spiegargli la bellezza del mondo, fanno anche ribrezzo certe fotografie false e montate ad arte per incutere un sentimento popolare.

L’indignazione è scoppiata in modo virale dopo la diffusione di una fotografia dove un bambino con la maglietta azzurra piange disperato in quella che sembra una gabbia voluta dal presidente americano Trump. A far partire l'esplosione virale anche un giornalista con un tweet condiviso poi migliaia di volte: Jose Antonio Vargas.

La foto però non è stata fatta all'interno di una delle strutture incriminate ma è una protesta inscenata il 10 giugno 2018 davanti al Municipio di Dallas. Di seguito una foto pubblicata dalla pagina Facebook “Brown Berets de Cemanahuac -Texas Chapter“ che fa ben capire che la gabbia era finta e il bimbo prima passeggiava tranquillamente fuori dalla stessa, dove invece altri bimbi mostravano cartelli anche sorridendo.

bimbo tweet jose antonio vargas

Già altri casi del genere si sono poi rivelati un bluff e questo sembra purtroppo un altro caso di abuso della credulità popolare. E' vero che una foto vale più di mille parole ma poi quando qualcuno la utilizza nel modo sbagliato ci si sente raggirati e a perderne è anche la sana e giusta protesta per una situazione che invece è corretto che sia sotto i riflettori.

bimbo

Utilizzare però foto di una giusta protesta spacciandole per altro, si chiamo solo disinformazione.  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.