The Art of Banksy. A Visual Protest

art bansky mudec 1Dal 21 novembre al 14 aprile 2019 il Mudec. Museo delle Culture di Milano ospiterà una mostra dedicata allo street artist Bansky, The Art of Banksy. A Visual Protest, promossa da 24 Ore Cultura.

Ora gli street artist sono un fenomeno mondiale e ciò che lega i writer di ieri e gli street artist di oggi è che provengono dai diversi quartieri di New York, che a loro volta erano popolati da comunità di diversa provenienza, che hanno contribuito all’invenzione di una grafia nuova, che non esisteva, fusione di molte grafie, da quella araba, a quella occidentale e asiatica.

In questo panorama Banksy ha aumentato il mondo multiculturale dei writer e come gli street artist della sua generazione fa vedere il contenuto dei messaggi politici e sociali in maniera esplicita, anzi sposta radicalmente il messaggio dalla forma al contenuto, con la propensione allo sberleffo di stampo dadaista, ma soprattutto alla fusione di linguaggio e immagine.

Le congetture sull’identità di Banksy sono molte, per alcuni si tratterebbe di un collettivo di artisti, per altri sarebbe un famoso musicista rock inglese, come Damien Hirst, nato e cresciuto a Bristol, ma fino ad oggi non si ha alcuna certezza sull’artista, anche se molti hanno tentato di farlo. 

Nei primi anni del Duemila Banksy è a Londra e in pochi anni i muri della città si animano con i suoi personaggi ironici, pungenti, provocatori, irriverenti e la stampa racconta dei suoi stencil, immediati e ricorrenti come manifesti pubblicitari, che colpiscono le giovani generazioni e nel 2007 un sondaggio dichiarò che il suo lavoro è un segno distintivo della città di Londra.

La sua arte è un grido nei confronti dell’arroganza dell’establishment e del potere, del conformismo, della guerra, del consumismo.

Nella mostra al Mudec, di Banksy sarà analizzata l’attitudine sperimentale, l’attenzione sulle realtà urbane, la teoria della psicogeografia dove il simbolo dell’’artista è il territorio, per creare delle situazioni, ma con il forte senso di appartenenza comunitario e un grande impulso controculturale.

Il suo lavoro ha un ruolo fondamentale nella relazione con il paesaggio umano, dove si esprime, spesso in zone di conflitto, dove anche la politica e le istituzioni faticano ad arrivare.

In mostra, attraverso circa settanta lavori tra dipinti, sculture, print, oggetti, saranno presentati attraverso fotografie e video  i murales di Banksy nella loro collocazione originaria in varie città dei cinque continenti, dove molti lavori nascono anche semplicemente in funzione dei e per i luoghi in cui sono realizzati.

Ecco perché The Art of Banksy. A Visual Protest far parte del progetto Geografie del Futuro, un racconto sul sapere geografico inteso come rilevamento di territori e di culture nei loro rapporti, letti attraverso vari oggetti di studio, dove il Mudec vuole riflettere per la stagione 2018/2019 per capire quali tipi di geografie definiranno i confini del mondo nel futuro.

The art of Banksy. A visual protest

Dal 21/11/2018 al 14/04/2019

MUDEC Museo delle Culture - Milano

Orari: 

Lunedì 14.30 - 19.30 

Martedì - mercoledì - venerdì - domenica 9.30 - 19.30 

Giovedì - sabato 9.30 - 22.30

Leggi anche:

Weekend con le grandi mostre d’arte

Harry Potter a Milano o gli studios di Londra?

Pino Pinelli. Pittura oltre il limite. A Palazzo Reale di Milano

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.